Fisioterapia a numero aperto

Area di discussione delle notizie riguardanti la nostra professione
Regole del forum
Una curiosità, una notizia sulla nostra professione.
Condividi la tua discussione preferita.
Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5472
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da franco » 05/05/2017, 7:11

La politica delle facoltà a numero chiuso è fallimentare.
Siamo fra gli ultimi in Europa come laureati.

Risultato che le università Europee aprono corsi in Italia.
http://www.universitastataleostrava.it/ ... sioterapia

Sarebbe ora di togliere i test di ingresso.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2085
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da azbzzz » 05/05/2017, 15:25

Nooo si è rivelata vincente per diminuire il numero di laureati disoccupati e mantenere alto il reddito dei lavoratori di quel settore....Se raddoppiassero i posti a infermieristica sarebbero tutti occupati. Questo per dire la grandissima appetibilità di infermieristica. Chissà come mai..... Ahahah

Avatar utente
skyes
User Senior
User Senior
Messaggi: 1170
Iscritto il: 12/07/2009, 11:54
Località: Treviso, operativa in Svizzera

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da skyes » 07/05/2017, 15:22

franco ha scritto:La politica delle facoltà a numero chiuso è fallimentare.
Siamo fra gli ultimi in Europa come laureati.

Ciao Frank,

a me risulta che il numero di laureati in Italia sia molto alto: e a questo non corrisponda una reale necessità nel mercato del lavoro italiano.

Non mi riferisco solo alle professioni sanitarie, ma a tutte.

Addirittura c'è una buona percentuale di laureati in Farmacia, Biologia ecc.. che - non trovando lavoro - decidono di fare la seconda laurea triennale iscrivendosi ad infermieristica.

Secondariamente: non sta scritto da nessuna parte che per forza sia necessario aumentare il numero di laureati.

Questo non deve essere un indice di valutazione del grado di acculturazione di uno stato.

Non è facilitando i giochi che si aumenta la qualità! Anzi.

Il numero chiuso serve per mantenere dei canoni qualitativi più alti.

Vale come per l'inflazione della moneta: più ne metti in circolazione e meno valore ha.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5472
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da franco » 07/05/2017, 21:04

Ciao skyes
Pochi giorni fa era una notizia del TG, il numero era riferito alle università Europee.

L'accesso a numero chiuso è una buffonata.
Può solo favorire le facoltà di ripiego.
Nessuno studente che supera un test generico e sulla base di quello intraprende la laurea non può avere un idea o può immaginare se sarà adatto allo studio universitario, se riuscirà a superare gli esami e ancora meno se farà il lavoro per cui si laurea.
Poi anche il titolo non necessariamente definirà un bravo infermiere, perché ci vuole tempo e passione.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
skyes
User Senior
User Senior
Messaggi: 1170
Iscritto il: 12/07/2009, 11:54
Località: Treviso, operativa in Svizzera

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da skyes » 08/05/2017, 20:36

I test per le professioni sanitarie sono sempre piu' selettivi e sempre meno di cultura generale.
I punteggi piu' alti al test d'ingresso sono attribuiti alle risposte corrette nelle materie di biologia, chimica, fisica, le quali si affrontano, normalmente, in un liceo scientifico.

Cercano di premiare la preparazione propedeutica della formazione alle scuole superiori.

Non per niente il test d'ingresso a medicina richiede una preparazione scientifica notevole.

Se dobbiamo, invece, vedere se piacera' o meno il lavoro scelto: questa e' un' incognita per ognuno.

Nella vita si puo' cambiare molte volte, non ci si sposa con una professione.

Ma questo non deve essere un motivo per abbassare i test qualitativi nelle materie propedeutiche.

La preparazione richiede tempo, altrimenti la scuola superiore non avrebbe senso di essere ad indirizzo diverso.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5472
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da franco » 08/05/2017, 22:04

Però è sbagliato.
Perchè chi fa ragioneria dovrebbe non dovrebbe poter accedere.

A 14 anni uno sceglie per la vita?
Non ha senso.

E' una mera scelta di businnes.
Perchè se tanti provassero la facoltà preferita si troverebbero facoltà da chiudere.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
skyes
User Senior
User Senior
Messaggi: 1170
Iscritto il: 12/07/2009, 11:54
Località: Treviso, operativa in Svizzera

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da skyes » 09/05/2017, 11:55

L'Italia e' di manica larga, rispetto ad altri paesi in cui la propedeuticita' pesa molto di piu'.

Infatti da' la possibilita' a qualunque diplomato di tentare qualsiasi test d' ingresso.

Poi se uno riesce a superare il test: buon per lui!

Ma dipendera' da quanto si e' preparato individualmente, se non ha fatto una scuola superiore ad indirizzo.

Altrimenti: facciamo un' unica scuola superiore per tutti, e mandiamo tutti all' accademia delle belle arti, senza passare per il liceo artistico.

Cio' non signigfica, tuttavia, che sia impossibile passare i test d'ingresso.

Io, ad esempio, ho fatto una scuola commerciale, ho lavorato 7 anni come impiegata, poi mi sono stufata. Ho deciso di tentare il test di ingresso ad infermieristica, e mi sono torturata studiando sui libri di un liceo scientifico: chimica, fisica, biologia, anatomia, per prepararmi in modo serio al test!

Questo lo dovrebbe fare chiunque non ha fatto una scuola ad indirizzo specifico: mi sembra superfluo dirlo.

Entrare in una professione sanitaria non e' facile come 30 anni fa.

Avatar utente
skyes
User Senior
User Senior
Messaggi: 1170
Iscritto il: 12/07/2009, 11:54
Località: Treviso, operativa in Svizzera

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da skyes » 09/05/2017, 18:12

Mossa dalla curiosita' sono andata a vedere le graduatorie di ammissione ad infermieristica per le 10 sedi dell' Universita' di Padova, anno 2016/2017.
Ci sono, circa, 70 posti per ogni sede e circa il doppio di partecipanti per ciascuna.

Il test e' stato suddiviso tra domande di: 1.logica, 2.cultura generale, 3.biologia, 4.chimica, 5. Fisica e matematica.

Chiunque puo' scaricare e visionare i risultati, nome e cognome, e i punteggi nelle 5 aree.

Beh, i 70 vincitori ammessi, nelle varie sedi ,hanno snobbato quasi totalmente le domande di cultura generale ( alle quali viene attribuito un punteggio piu' basso), concentrandosi su biologia, chimica e fisica.

In quest' ultime, infatti, i loro risultati sono altissimi.

Non so da quale scuola superiore provengano, ma e' evidente che il test non e' generico e che la loro preparazione al test e' stata molta.

Controllando i loro punteggi credo che, oggi, non sarei riuscita a superarli e ad accedere ad infermieristica.

Avatar utente
skyes
User Senior
User Senior
Messaggi: 1170
Iscritto il: 12/07/2009, 11:54
Località: Treviso, operativa in Svizzera

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da skyes » 09/05/2017, 19:06

Curiosa, sono andata a vedere pure le graduatorie per entrare a Fisioterapia all' universita' di Padova.

Le sedi dei corsi sono solo 4, con 25 posti a numero chiuso, per ciascuna: tot. 100 posti.

I concorrenti totali si sono aggirati sui 2500, tolti i 100 vincitori ammessi, significa che circa 2400 studenti sono rimasti a bocca asciutta.

I punteggi dei 100 vincitori sono impressionanti, altissimi, e , comunque, tutti focalizzati su logica, chimica, fisica, biologia, con poco investimento - in proporzione - nella cultura generale.

Sono risultati degni di uno scienziato in erba.

Ma, al contrario, che senso avrebbero avuto 2'000 fisioterapisti in piu', ogni anno?

Faremmo davvero un bene al futuro dei nostri figli?

Creeremmo solo ulteriori disoccupati, dopo avergli fatto spendere 3 anni di universita'.

In un paese che funzioni la formazione deve essere rapportata alle necessita' del mondo del lavoro.

Avatar utente
Dearg-Due
User Senior
User Senior
Messaggi: 2896
Iscritto il: 27/07/2009, 16:56
Lavoro e cerco...: Aspirante Infermiere Forense, per sbattere sotto il naso le leggi a chi fa conto sull'ignoranza della categoria per approfittarsene e fare il bello e cattivo tempo utilizzando professionisti laureati come camerieri e factotum.

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da Dearg-Due » 12/05/2017, 18:30

skyes ha scritto:In un paese che funzioni la formazione deve essere rapportata alle necessita' del mondo del lavoro.
In un paese normale chiunque ha il diritto di studiare quello che vuole, se poi non trova lavoro sono affari suoi.
Non si deve studiare infermieristica (o qualsiasi altro CdL) e pretendere di trovare lavoro in quel preciso settore.
Se in Italia serve un geologo ne assumeranno uno, se poi ce ne sono altri 20 a giro non è un problema di cui debba farsi carico lo Stato.
Ma io pago per studiare e voglio studiare quello che mi pare, se poi non trovo lavoro con quel titolo è un problema mio.
Non esiste solo l'equazione studio=lavoro, ma anche studio=soddisfazione personale.
Disarmante... disarmante e sconcertante accorgersi di quanto colei che consideravi unica era in realtà una povera psicopatica patetica e sfigata.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite