sottoscritto definitivamente il c.c.n.l. in data 30/07

In questo spazio cerchiamo di aiutarci per reperire le leggi e a capirle.
Regole del forum
E' necessario ricordarsi che le discussioni devono essere considerate come informali e non consulenze specializzate.
Condividi la tua discussione preferita.
Avatar utente
dario62
User
User
Messaggi: 302
Iscritto il: 11/07/2009, 22:14
Località: italia
Contatta:

sottoscritto definitivamente il c.c.n.l. in data 30/07

Messaggio da leggere da dario62 » 01/08/2009, 23:23

Carissimi Colleghi, con la presente, vi comunico che in data 30/07, e' stato sottoscritto definitivamente il C.C.N.L.,comparto sanita', biennio economico 2008/09.
A seguire, vi rendo anche noto lo scempio apportato alla categoria infermieristica:

stamane è stato sottoscritto definitivamente.


Perdano ogni speranza gli infermieri specialisti che aspettavano il giusto
riconoscimento contrattuale
perdano ogni speranza gli infermieri che aspettavano le nuove regole
per la valorizzazione dell'autonomia e della funzione
perdano ogni speranza i coordinatori che attendevano un'organica e
definitiva disciplina .
L’ ARAN e i soliti sindacati consenzienti hanno sottoscritto l'ipotesi di
CCNL 2008/2009 rinviando definitivamente alla prossima tornata
contrattuale la “ LA MATERIA DEGLI INCARICHI DI COORDINAMENTO E SPECIALISTICI,
di cui alla L. 43/2006, nonche' di posizione organizzativa, ivi compresa la
tematica del sistema di valorizzazione delle responsabilita' e
dell' autonomia professionale.
Parliamo di tutta la problematica sulle qualifiche sanitarie ex legge 43/06 , che i più ricorderanno
come stralciata dal precedente biennio per essere discussa tra le code contrattuali , mai
affrontata ed oggi liquidata come “ da discutere nella prossima tornata contrattuale” , quindi
ancora una volta si conferma il mancato riconoscimento delle specialità infermieristiche ,
l’ondivaga regolamentazione contrattuale delle funzioni di coordinamento etc etc.





--------------------------------------- 2

Più di un anno e mezzo di attesa per un aumento retributivo “medio” di circa 72 euro pro-capite
( ???) , 20 euro medi ( valore indicativo e massimo) di risorse aggiuntive regionali comunque
collegati a progetti di produttività ed al “ patto per la salute ” , ci saranno degli esclusi, si perché i
dipendenti delle regioni Molise, Puglia, Lazio etc , in sostanza tutte le regioni ”non virtuose” non
potranno percepire tale integrazione.

Nello sbandierare la firma avvenuta “ i signori del sindacalismo “ dimenticano di dire che , ancora
una volta , sono state sacrificate norme importantissime per i lavoratori, prendiamo , solo ad
esempio , la mobilità - il nuovo CCNL rende ancora più discrezionale e libero l’intervento del
datore di lavoro , infatti non si considera trasferimento l’impiego di personale in strutture
che rientrano nei 25 km ( prima erano 10) dal luogo di assegnazione , così facendo ,
praticamente si consente AI DIRIGENTI DI FARE IL BELLO E CATTIVO TEMPO ,
DISPONENDO DEL PERSONALE COSI’ COME RITENGONO :
ART 3:
…“ l’Azienda, nell’esercizio del proprio potere organizzatorio, per comprovate ragioni tecniche o
organizzative, nel rispetto dell’art. 2103 del codice civile, dispone l’impiego del personale
nell’ambito delle strutture situate nel raggio di venticinque chilometri dalla località di
assegnazione, previa informazione ai soggetti di cui all’art. 9, comma 2 del CCNL 7.4.1999.
Non si configura in ogni caso quale mobilità, disciplinata dal presente articolo, lo spostamento
del dipendente all’interno della struttura di appartenenza, anche se in ufficio, unità
operativa o servizio diverso da quello di assegnazione, in quanto rientrante nell’ordinaria
gestione del personale affidata al dirigente responsabile. “
Per quanto concerne le cifre non sono necessari ulteriori commenti , basta leggere , senza
particolare attenzione per non innervosirsi , la glaciale evidenza dei numeri riportati sulle tabelle
del contratto allegato;
Poca differenza rispetto agli aumenti degli altri comparti , uno strapiombo rispetto al reale costo
della vita , aumenti medi che non abbiamo problemi a definire " da social card " , alla fine si parla
di poco più di 40/50 euro netti a persona .
“Lo 0,8% annuo” di risorse aggiuntive , già risibile di per se , oggi, dopo le modifiche apportate alla
precedente ipotesi diventa un “ fino allo 0,8% annuo” , calcolato sul monte salari 2007 ed a
consuntivo
Bel risultato davvero…
Contrariamente da quanto asseriscono coloro i quali , avendo firmato questo misero contratto non
possono dire diversamente , la grave situazione contrattuale appare in tutta la propria
dirompente evidenza se si considera che l’attuale periodo di crisi economica comincia ad
aggravare la già precaria situazione retributiva dei pubblici dipendenti - in particolare delle
qualifiche più basse , preludio ormai di una sempre meno teorica “ soglia di povertà ” .
Certo nessun infermiere avrebbe mai pensato di doversi accontentare di simili aumenti ,
soprattutto dopo aver atteso per quasi un anno e mezzo il rinnovo contrattuale , parliamo anche
dei soldi immolati sull’altare di una crisi che ormai i governi utilizzano come spauracchio ogni
volta che partono le tornate contrattuali , quelli sostituiti con una patetica quanto insufficiente
“indennità di vacanza contrattuale” .
Nursing Up dice basta ai giochi di prestigio!
Contestiamo con forza la decisione di ARAN e sindacati consenzienti di “non applicare quella
parte del CCNL 2006/2009 che prevedeva le sequenze contrattuali e quindi l’applicazione della
legge 43/06 :
Gli infermieri possono farlo, scegliendo da che parte stare, se con i sindacati “ partecipi ” , per
continuare nell’indecente balletto di una tutela professionale pressoché inesistente , massificata e
sacrificata da una rappresentanza che si dimostra sempre più abile nel fare giochi di demagogia ,



--------------------------------------- 3

o con il Nursing Up , per un sindacalismo che , forte delle specifiche competenze professionali del
personale che esprime , lavora affinchè il potere d’acquisto dei loro stipendi sia allineato a quello
dei colleghi delle altre realtà civili europee e si oppone al super utilizzo ed al massacro dei colleghi
sull’altare sacrificale di una questione che nessuno sembra voler e/o saper seriamente affrontare :
“ L’EMERGENZA INFERMIERISTICA ”

Saluti cordiali DARIO

Nursing Up
Il Sindacato degli Infermieri Italiani
Sono disponibile per tutti i colleghi, a consulenza gratuita,inerente la contrattazione collettiva nazionale.Per contatto:328/5474656

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti