cassazione sul cambio divisa

In questo spazio cerchiamo di aiutarci per reperire le leggi e a capirle.
Regole del forum
E' necessario ricordarsi che le discussioni devono essere considerate come informali e non consulenze specializzate.
Condividi la tua discussione preferita.
Avatar utente
dario62
User
User
Messaggi: 302
Iscritto il: 11/07/2009, 22:14
Località: italia
Contatta:

cassazione sul cambio divisa

Messaggio da leggere da dario62 » 24/07/2009, 7:32

Carissimi Colleghi, con la presente, vi comunico sentenza della corte di Cassazione, sul cambio divisa:




(AGI) - Roma, 23 lug. - Chi porta una divisa sul luogo di lavoro ha diritto a ricevere una
retribuzione anche per il tempo occorrente per indossarla o togliersela di dosso.

Lo stabilisce la Cassazione, confermando una sentenza della Corte d’appello di Milano con cui era
stato riconosciuto il diritto alla retribuzione per i minuti passati a indossare o a togliersi di dosso la
divisa aziendale ad alcuni lavoratori. Per i giudici del merito, “il tempo impiegato per la
vestizione e svestizione della divisa corrispondeva all’esecuzione di un obbligo imposto dal
datore di lavoro” ed era “congruo il tempo di venti minuti complessivi per le operazioni in
questione, senza la detrazione dei cinque minuti di tolleranza previsti contrattualmente con la
funzione di coprire i ritardi episodici”.

Contro tale decisione, il datore di lavoro (una societa’) aveva presentato ricorso in Cassazione,
rilevando che “prima o dopo la timbratura presso lo spogliatoio il dipendente e’ libero di
comportarsi come crede: il tempo per vestire e svestire la divisa, sia nello spogliatoio sia
nell’abitazione del lavoratore, va comunque sottratto al tempo libero”. Per i giudici della sezione
lavoro di ‘Palazzaccio’, il ricorso va rigettato: “l’adempimento di tale obbligo - si legge nella
sentenza n. 20179 - deve necessariamente avvenire presso l’unita’ produttiva ed e’ collegato in
sequenza con la timbratura del cartellino marcatempo (la vestizione deve avvenire prima della
timbratura in ingresso e la svestizione e’ successiva alla timbratura in uscita)”.

Se, infatti, “tale operazione e’ diretta dal datore di lavoro - spiegano gli ‘ermellini’ - che ne
disciplina il tempo ed il luogo di esecuzione, rientra nel lavoro effettivo e di conseguenza il
tempo ad essa necessario deve essere retribuito”. (AGI)
Saluti cordiali Dario

RSA Nursing up
Sono disponibile per tutti i colleghi, a consulenza gratuita,inerente la contrattazione collettiva nazionale.Per contatto:328/5474656

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti