Stipendio orario in libera professione

l'infermiere libero professionista, problemi, suggerimenti, idee e miti
Regole del forum
Importante, è necessario ricordarsi che le discussioni devono essere considerate come informali e non consulenze specializzate.
Condividi la tua discussione preferita.
Decatron
User expert
User expert
Messaggi: 628
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da Decatron » 01/02/2018, 16:08

zaffo ha scritto:
31/01/2018, 23:32
Decatron ha scritto:
28/01/2018, 17:59
Il privato ha tutto il diritto di pagarti come e quanto vuole, sta poi alla dignità del professionista accettare o meno.
Beh, calma... se io ho la partita IVA significa che sono un libero professionista quindi spetterebbe a me decidere quanto far pagare la mia opera. Purtroppo questo non avviene, per noi infermieri. Se abbiamo la partiva IVA è comunque il committente (azienda, coop) che decide quanto darci, assurdo!

Hai mai sentito di un ingegnere, un geometra, un perito, ma anche un idraulico o un elettricista che si fanno pagare in base a quanto il loro committente decide? No! Siamo gli unici liberi professionisti che fanno decidere agli altri il costo del proprio lavoro. Incredibile: trattati come dipendenti senza averne però tutti i vantaggi : WallBash :
Per questo non aprirò mai partita IVA e nella remotissima ipotesi dovessi aprirla, beh, mi guarderei bene dal rivolgermi a certe persone.

Beh le figure che hai citato si fanno pagare a servizio, noi ad orario.
L'idraulico dice "rifare queste tubature in totale ti costa 300 euro", poi può metterci un ora o venti ore, il prezzo rimane quello.
Noi siamo pagati anche se per un ora non facciamo nulla, perchè non abbiamo una retribuzione per quantità.

E poi la nostra partita iva è una farsa, è solo per permettere alle aziende di risparmiare. Noi da brave pecore obbediamo.
Il medico con la partita iva comunque intasca i suoi 6-7 mila euro al mese, poi che gli interessa che paga 3000 euro di tasse?
Io infermiere intasco massimo duemila euro al mese, e ne pago 500 di tasse, a me rode di piu' sicuramente.

Anche perchè infermieri in Italia che arrivano a 5k al mese ancora non ne ho conosciuti :D

Avatar utente
zaffo
User
User
Messaggi: 367
Iscritto il: 17/03/2014, 18:31

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da zaffo » 02/02/2018, 13:52

Decatron ha scritto:
01/02/2018, 16:08
zaffo ha scritto:
31/01/2018, 23:32
Decatron ha scritto:
28/01/2018, 17:59
Il privato ha tutto il diritto di pagarti come e quanto vuole, sta poi alla dignità del professionista accettare o meno.
Beh, calma... se io ho la partita IVA significa che sono un libero professionista quindi spetterebbe a me decidere quanto far pagare la mia opera. Purtroppo questo non avviene, per noi infermieri. Se abbiamo la partiva IVA è comunque il committente (azienda, coop) che decide quanto darci, assurdo!

Hai mai sentito di un ingegnere, un geometra, un perito, ma anche un idraulico o un elettricista che si fanno pagare in base a quanto il loro committente decide? No! Siamo gli unici liberi professionisti che fanno decidere agli altri il costo del proprio lavoro. Incredibile: trattati come dipendenti senza averne però tutti i vantaggi : WallBash :
Per questo non aprirò mai partita IVA e nella remotissima ipotesi dovessi aprirla, beh, mi guarderei bene dal rivolgermi a certe persone.

Beh le figure che hai citato si fanno pagare a servizio, noi ad orario.
Appunto! Sta qui il dramma della libera professione infermieristica svolta presso strutture. L'infermiere libero professionista, in quanto tale, dovrebbe farsi pagare dalla struttura in base alle prestazioni che effettivamente eroga: medicazioni, iniezioni, fleboclisi, ecc. ecc.(anche se è della struttura). La cosa sarebbe fattibile visto che gli interventi vengono siglati su apposita scheda o cartella informatizzata.
I momenti morti ce li si fa pagare attraverso una generica voce sulla fattura come "assistenza infermieristica" (ad orario, appunto)
Ma anche percependo un compenso orario, in quanto libero professionista, non vedo perché debba essere la struttura a decidere quanto vale la professionalità.
Parlare di "libera professione" quando questa è svolta presso strutture è un ossimoro.

Decatron
User expert
User expert
Messaggi: 628
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da Decatron » 02/02/2018, 16:23

zaffo ha scritto:
02/02/2018, 13:52
Decatron ha scritto:
01/02/2018, 16:08
zaffo ha scritto:
31/01/2018, 23:32
Decatron ha scritto:
28/01/2018, 17:59
Il privato ha tutto il diritto di pagarti come e quanto vuole, sta poi alla dignità del professionista accettare o meno.
Beh, calma... se io ho la partita IVA significa che sono un libero professionista quindi spetterebbe a me decidere quanto far pagare la mia opera. Purtroppo questo non avviene, per noi infermieri. Se abbiamo la partiva IVA è comunque il committente (azienda, coop) che decide quanto darci, assurdo!

Hai mai sentito di un ingegnere, un geometra, un perito, ma anche un idraulico o un elettricista che si fanno pagare in base a quanto il loro committente decide? No! Siamo gli unici liberi professionisti che fanno decidere agli altri il costo del proprio lavoro. Incredibile: trattati come dipendenti senza averne però tutti i vantaggi : WallBash :
Per questo non aprirò mai partita IVA e nella remotissima ipotesi dovessi aprirla, beh, mi guarderei bene dal rivolgermi a certe persone.

Beh le figure che hai citato si fanno pagare a servizio, noi ad orario.
Appunto! Sta qui il dramma della libera professione infermieristica svolta presso strutture. L'infermiere libero professionista, in quanto tale, dovrebbe farsi pagare dalla struttura in base alle prestazioni che effettivamente eroga: medicazioni, iniezioni, fleboclisi, ecc. ecc.(anche se è della struttura). La cosa sarebbe fattibile visto che gli interventi vengono siglati su apposita scheda o cartella informatizzata.
I momenti morti ce li si fa pagare attraverso una generica voce sulla fattura come "assistenza infermieristica" (ad orario, appunto)
Ma anche percependo un compenso orario, in quanto libero professionista, non vedo perché debba essere la struttura a decidere quanto vale la professionalità.
Parlare di "libera professione" quando questa è svolta presso strutture è un ossimoro.

Guarda che è cosi per tutti!!
Nell'ospedale pubblico in cui ho fatto tirocinio i medici lavoravano a partita iva.
Ricordo il dermatologo disse che prendeva 2500 euro netti con le 36 ore settimanali, a prescindere dalle visite ecc.

L'unica differenza è l'intramoenia.
Ovvero se facevano visite private nella struttura, anche se di solito le facevano ma senza lasciare ricevuta... durante il normale orario lavorativo .

Per noi infermieri non c'è questa possibilità.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5693
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da franco » 04/02/2018, 8:56

Possibilità che non ci deve essere.
Chi non fa la fattura è solo un ladro che ruba tre volte, al paziente che non si deduce la spesa dalle tasse, all'ospedale e a noi tutti.

Decatron non so dove hai lavorato, ma un salto alla guardia di finanza dovresti farlo.

In Ospedale al Sant Orsola, entri e vai a visita libero professionale se e solo se hai già pagato, la seconda visita costa un poco meno e solo in alcuni casi, quando devono essere visionati esami prescritti dallo specialista, la fattura è a 0.

Funziona così la libera professione del medico.
Quella che viene chiamata libera professione dell'infermiere, adesso è altro, non è vera libera professione.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5693
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da franco » 04/02/2018, 9:04

La fattura della singola prestazione con l'ospedale privato è fattibile, in teoria.

Ma sarebbe un assurdo perchè quando fatturi la singola prestazione va fatturata al privato, non all'azienda.

Un esempio è l'anestesista fattura la sua attività al paziente, ma c'è stato dietro diverse ore, fra visita, anestesia e post operatorio.
L'infermiere che a fine giornata si mette a fare fatture a tutti i pazienti è da incubo.
Non si può fatturare un iniezione ad un azienda, perchè l'azienda non si fa iniezioni.
Mentre può acquistare la tua prestazione a forfait in toto, sia che lavori o meno quindi fatturi ad ore.

Il punto di riferimento è il costo del lavoro del dipendente che a seconda costa dai 20 ai 30 euro e il servizio migliore te lo giochi con la flessibilità e la migliore competenza tecnica.
Ma è difficile è più facile accettare un prezzo basso e mettersi in gioco il giusto.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2261
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da azbzzz » 04/02/2018, 14:41

Decatron ha scritto:
01/02/2018, 16:08
zaffo ha scritto:
31/01/2018, 23:32
Decatron ha scritto:
28/01/2018, 17:59
Il privato ha tutto il diritto di pagarti come e quanto vuole, sta poi alla dignità del professionista accettare o meno.
Beh, calma... se io ho la partita IVA significa che sono un libero professionista quindi spetterebbe a me decidere quanto far pagare la mia opera. Purtroppo questo non avviene, per noi infermieri. Se abbiamo la partiva IVA è comunque il committente (azienda, coop) che decide quanto darci, assurdo!

Hai mai sentito di un ingegnere, un geometra, un perito, ma anche un idraulico o un elettricista che si fanno pagare in base a quanto il loro committente decide? No! Siamo gli unici liberi professionisti che fanno decidere agli altri il costo del proprio lavoro. Incredibile: trattati come dipendenti senza averne però tutti i vantaggi : WallBash :
Per questo non aprirò mai partita IVA e nella remotissima ipotesi dovessi aprirla, beh, mi guarderei bene dal rivolgermi a certe persone.


Anche perchè infermieri in Italia che arrivano a 5k al mese ancora non ne ho conosciuti :D
Io ne ho conosciuti. 5/6 mila euro netti da dipendenti. Al mattino con auto aziendale a gestire Sla a domicilio e al pomeriggio in rianimazione. La mancata ospedalizzazione del malato in Sla comporta un risparmio ingentissimo a parità di prognosi.

Decatron
User expert
User expert
Messaggi: 628
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da Decatron » 04/02/2018, 22:57

6mila euro netti sono cifre che non raggiunge neanche il medico.
Ammettendo uno stipendio standard di 12 euro netti l'ora per un infermiere (e mi mantengo larghissimo) corrisponde a 500 ore mensili, circa 120 ore mensili.
Onestamente non credo sia fattibile.

A meno che tu non stia parlando di infermieri in svizzera, allora sarebbe tutt altro discorso =)

azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2261
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da azbzzz » 05/02/2018, 6:50

Leggi bene ciò che ho scritto. Da dipendente.

Decatron
User expert
User expert
Messaggi: 628
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da Decatron » 05/02/2018, 15:23

azbzzz ha scritto:
05/02/2018, 6:50
Leggi bene ciò che ho scritto. Da dipendente.
Con gli stipendi da 1100 nel privato e max 1600 nel pubblico? Non diciamo sciocchezze che c'è gente esterna che passa e legge il forum... non spargiamo la voce che l'infermiere guadagna 5k che è la fine.

Avatar utente
zaffo
User
User
Messaggi: 367
Iscritto il: 17/03/2014, 18:31

Re: Stipendio orario in libera professione

Messaggio da leggere da zaffo » 05/02/2018, 17:49

Decatron ha scritto:
05/02/2018, 15:23
Con gli stipendi da 1100 nel privato e max 1600 nel pubblico? Non diciamo sciocchezze che c'è gente esterna che passa e legge il forum... non spargiamo la voce che l'infermiere guadagna 5k che è la fine.
Dipende anche da ASL/AULSS/AOP che tipo di contratto di secondo livello apllica: una collega di corso vincitrice di concorso in una delle ULSS più povere della regione ha preso a novembre, in D0, facendo le sue ore ordinarie notti comprese, senza straordinari o indennità di reparto, 1760 €.
Nella ULSS dove risiedo un infermiere del DH cardiologico prende sui 1500 €.

Dipende -tanto, molto- da dove si finisce.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti