Tirocinio e numerosi dubbi

Questo è un forum di discussione generale per gli studenti di infermieristica, master e specialistica.
Regole del forum
Questo è un forum di discussione generale per gli studenti di infermieristica, master e specialistica.
Condividi la tua discussione preferita.
Melissa89
New User
New User
Messaggi: 15
Iscritto il: 21/11/2017, 16:36

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da Melissa89 » 15/02/2018, 21:00

Decatron ha scritto:
15/02/2018, 20:49
Welcome nella realtà. Sei dell'89? Anche io ho iniziato il corso in ritardo.
Se continui pensando che una volta che lavori le cose cambiano..lascia perdere.
Fidati di un fesso che la.pensava così.
Purtroppo non si può tornare indietro.
Si, ho preso la mia prima laurea ed ho lavorato in un altro ambito per circa tre anni prima di iniziare.

No, non penso possa cambiare qualcosa, ed anzi, mi terrorizza ancor di più quella responsabilità che non ho ancora appieno in quanto tirocinante.
Sono atterrita dal non star imparando nulla e dal dovermi ritrovare su un qualsiasi posto di lavoro come un peso o peggio, come un pericolo per i pazienti.

Mi sto infatti dando come deadline questo mese di tirocinio, dopo il quale deciderò se dedicarmi ad altro.

Decatron
User expert
User expert
Messaggi: 617
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da Decatron » 15/02/2018, 21:18

Melissa89 ha scritto:
15/02/2018, 21:00
Decatron ha scritto:
15/02/2018, 20:49
Welcome nella realtà. Sei dell'89? Anche io ho iniziato il corso in ritardo.
Se continui pensando che una volta che lavori le cose cambiano..lascia perdere.
Fidati di un fesso che la.pensava così.
Purtroppo non si può tornare indietro.
Si, ho preso la mia prima laurea ed ho lavorato in un altro ambito per circa tre anni prima di iniziare.

No, non penso possa cambiare qualcosa, ed anzi, mi terrorizza ancor di più quella responsabilità che non ho ancora appieno in quanto tirocinante.
Sono atterrita dal non star imparando nulla e dal dovermi ritrovare su un qualsiasi posto di lavoro come un peso o peggio, come un pericolo per i pazienti.

Mi sto infatti dando come deadline questo mese di tirocinio, dopo il quale deciderò se dedicarmi ad altro.

Ecco... non fare il mio errore.

Melissa89
New User
New User
Messaggi: 15
Iscritto il: 21/11/2017, 16:36

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da Melissa89 » 26/04/2018, 15:15

Volevo aggiornare il topic con qualche notizia.

Ho dovuto sospendere il tirocinio a causa di un problema familiare estremamente pesante, con strascichi tutt'ora sulla mia psiche purtroppo. ed ho ripreso questo mese.

Sono stata assegnata in una Chirurgia in cui gli infermieri sono estremamente preparati e pazienti. Nonostante avessi effettivamente la possibilità di chiedere la stessa cosa anche dieci volte, ho seguito i preziosissimi consigli di Franco (quadernino per memorizzare disposizione dei presidi e procedure, identificazione della gerarchia e quant'altro) e sta andando decisamente meglio.

Oltre ad aver adottato queste strategie, vengo seguita molto e lasciata in autonomia soltanto quando le infermiere sono sicure che sappia eseguire le procedure correttamente -ma comunque vengo sempre osservata a distanza- ed accompagnata gradualmente in tutte le attività del reparto. Ad esempio, il primo giorno mi hanno soltanto fatto osservare per bene le SUT e le procedure di diluizione e somministrazione dei farmaci, dal secondo giorno in poi hanno cominciato a farli preparare e somministrare a me, controllando sempre che faccia tutto bene ed incoraggiandomi a ricontrollare spesso se la prescrizione ed il paziente sono corretti, anche a scapito della velocità di esecuzione. Mi hanno testualmente detto " non è una gara".

Mi sto rendendo conto di non essere così incapace come pensavo -e sono soltanto alla prima settimana di tirocinio- probabilmente il contesto ostile delle precedenti esperienze mi annichiliva totalmente. Sebbene sia un reparto estremamente frenetico e pesante riesco a non far pasticci.

La scorsa notte ho per la prima volta provato a fare dei prelievi: sono stati un pochetto un disastro tra vene rotte o non perforate adeguatamente ma nessuno mi ha sgridato, sono state sempre presenti e pronte ad intervenire al primo segno di difficoltà.

Spero di riuscire a farmi un bagaglio che mi renda più autonoma e più resiliente alle critiche che riceverò indubbiamente nei prossimi reparti.

Grazie ancora a Franco per i consigli!

Avatar utente
zaffo
User
User
Messaggi: 367
Iscritto il: 17/03/2014, 18:31

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da zaffo » 26/04/2018, 16:22

Melissa89 ha scritto:
26/04/2018, 15:15
Mi sto rendendo conto di non essere così incapace come pensavo -e sono soltanto alla prima settimana di tirocinio- probabilmente il contesto ostile delle precedenti esperienze mi annichiliva totalmente.
Visto? Talvolta è proprio l'ambiente il problema, per le motivazioni più varie e non necessariamente proprie.
La scorsa notte ho per la prima volta provato a fare dei prelievi: sono stati un pochetto un disastro tra vene rotte o non perforate adeguatamente ma nessuno mi ha sgridato, sono state sempre presenti e pronte ad intervenire al primo segno di difficoltà.
I prelievi a fine turno di notte sono un bel problema, quindi non preoccuparti eccessivamente, vedrai che anche quando prenderai la mano, la stanchezza e l'offuscamento mentale tipici dello smonto notte si metteranno sempre di traverso.
Melissa89 ha scritto:
26/04/2018, 15:15
controllando sempre che faccia tutto bene ed incoraggiandomi a ricontrollare spesso se la prescrizione ed il paziente sono corretti, anche a scapito della velocità di esecuzione. Mi hanno testualmente detto " non è una gara".
Eh eh, ora che sei studente non è una gara. Un domani, purtroppo, avrà connotazioni molto simili (ahimè anche sulla bocca dei colleghi -non tutti, ovvio- oltre che nella velocità d'esecuzione).

Melissa89
New User
New User
Messaggi: 15
Iscritto il: 21/11/2017, 16:36

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da Melissa89 » 28/04/2018, 8:50

zaffo ha scritto:
26/04/2018, 16:22
Eh eh, ora che sei studente non è una gara. Un domani, purtroppo, avrà connotazioni molto simili (ahimè anche sulla bocca dei colleghi -non tutti, ovvio- oltre che nella velocità d'esecuzione).
Indubbiamente: spesse volte si notano giudizi impietosi anche tra colleghi che lavorano da svariati anni insieme.

Per quello che concerne la velocità di esecuzione spero di acquisirla con la pratica.
Mi riusciva estremamente complesso -come mi veniva richiesto altrove - velocizzarmi ed imparare determinate manovre allo stesso tempo.

Melissa89
New User
New User
Messaggi: 15
Iscritto il: 21/11/2017, 16:36

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da Melissa89 » 28/04/2018, 9:10

Ulteriore domanda: è normale non riuscire a beccare una vena nemmeno pregando all'inizio?
Non ho mai fatto pratica neppure sui manichini.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5632
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da franco » 28/04/2018, 18:43

Melissa89 grazie per il preziosissimo feedback

Sul prelievo venoso è la stessa cosa, ricordare le vene, sono differenti.
A volte si rompono perché anziano o debilitato o vena piccola e la prima si rompe e la seconda la prendi perche fai tesoro dell'esperienza.
Da giovane ero testardo e il massimo è stata la classica situazione, ho sbagliato 7 fori, poi ho chiamato la collega e l'ha presa al primo colpo.
Quindi ho, ringraziato perché il paziente è stato comprensivo, ma poi mi sono detto, mai più il mio orgoglio deve prevalere sull'interesse del paziente.
Il "mai più" si traduce con la classica regola"non c'è due senza tre".
Quindi se ne sbaglio due di fori, per fattori emozionali per un giudizio sulle vene che non ho saputo dare chiedo aiuto ad un collega se possibile più esperto.
Chiamo e non sono trafelato, faccio in camuffa perché chissà cosa pensano i colleghi... Non è un problema, il problema è che il paziente deve avere il prelevò venoso ben fatto.
Chiamo il collega con l'interfono con un OSS che passa parola e quando viene gli spiego, questa vena è stata mobile, questa una valvola o altro, il collega è più tranquillo di me e ha più dati di me per poter avere successo.
A mali estremi, se si è da soli, pausa, si dice al paziente, vado avanti con gli altri prelievi e torno dopo, intanto riposa le braccia.

Melissa89 ti segnalo anche questo articolo:
https://www.infermieriattivi.it/tecnich ... zioni.html

Sperando di esseri utile.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Melissa89
New User
New User
Messaggi: 15
Iscritto il: 21/11/2017, 16:36

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da Melissa89 » 29/04/2018, 9:40

franco ha scritto:
28/04/2018, 18:43
Melissa89 grazie per il preziosissimo feedback

Sul prelievo venoso è la stessa cosa, ricordare le vene, sono differenti.
A volte si rompono perché anziano o debilitato o vena piccola e la prima si rompe e la seconda la prendi perche fai tesoro dell'esperienza.
Da giovane ero testardo e il massimo è stata la classica situazione, ho sbagliato 7 fori, poi ho chiamato la collega e l'ha presa al primo colpo.
Quindi ho, ringraziato perché il paziente è stato comprensivo, ma poi mi sono detto, mai più il mio orgoglio deve prevalere sull'interesse del paziente.
Il "mai più" si traduce con la classica regola"non c'è due senza tre".
Quindi se ne sbaglio due di fori, per fattori emozionali per un giudizio sulle vene che non ho saputo dare chiedo aiuto ad un collega se possibile più esperto.
Chiamo e non sono trafelato, faccio in camuffa perché chissà cosa pensano i colleghi... Non è un problema, il problema è che il paziente deve avere il prelevò venoso ben fatto.
Chiamo il collega con l'interfono con un OSS che passa parola e quando viene gli spiego, questa vena è stata mobile, questa una valvola o altro, il collega è più tranquillo di me e ha più dati di me per poter avere successo.
A mali estremi, se si è da soli, pausa, si dice al paziente, vado avanti con gli altri prelievi e torno dopo, intanto riposa le braccia.

Melissa89 ti segnalo anche questo articolo:
https://www.infermieriattivi.it/tecnich ... zioni.html

Sperando di esseri utile.
Ti ringrazio di nuovo, farò tesoro tanto del post quanto dell'articolo!

Melissa89
New User
New User
Messaggi: 15
Iscritto il: 21/11/2017, 16:36

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da Melissa89 » 03/05/2018, 13:15

E niente, nonostante l'impegno e la partenza buona sta andando di nuovo tutto in malora.

Sembra che il non essere riuscita ad eseguire i prelievi dopo quelle due notti mi abbia messo lo stigma di incapace addosso.
Preferiscono far prendere vene a studenti del primo con a loro avviso "più manualità" di me e si rifiutano di farmi inserire CVP in quanto non in grado di rilevare un accesso venoso. Oltre al fatto che non si fidano di me e preferiscono mandare altri ad occuparsi di cose banali come scollegare deflussori o somministrare un farmaco in bolo - non ho mai avuto difficoltà ad eseguire queste manovre, per inciso.

Mi sento estremamente demoralizzata.

Avatar utente
zaffo
User
User
Messaggi: 367
Iscritto il: 17/03/2014, 18:31

Re: Tirocinio e numerosi dubbi

Messaggio da leggere da zaffo » 08/05/2018, 14:51

Melissa, nonostante la nostra sia una professione zoppicante è una delle poche che può essere esercitata in una ricca varietà di contesti.
La manualità potrebbe non essere una tua dote, ma non è un problema, magari ne hai altre meno visibili che potrebbero essere ben spese in contesti dove gli atti pratici sono inesistenti o veramente marginali.

Potresti essere più portata per contesti in cui la relazione, le capacità di ascolto sono indispensabili e parte integrante del processo di cura e se per un prelievo ci impieghi un po' di più non è un problema.

Fossi in te, comunque, aspetterei prima di dichiarare persa ogni speranza di migliramento delle abilità manuali. Hai tempo per migliorare e per dimostrare che sai fare. ;-)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite