Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Forum di discussione generale per gli infermieri
Regole del forum
La domanda è il punto di partenza per arrivare ad una o a tante risposte.
Condividi la tua discussione preferita.
Bona
New User
New User
Messaggi: 13
Iscritto il: 20/10/2017, 18:34

Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da Bona » 11/01/2019, 11:51

Buongiorno a tutti!

Ho conseguito la laurea triennale in Infermieristica qualche mese fa e poi mi sono concesso un breve periodo sabbatico all'estero per aprire la mente e capire cosa voglio dalla vita. Ma ora è giunto il momento di mettersi al lavoro, e quindi chiedo a voi qualche dritta per orientarmi.

Tra tutte le competenze dell'infermiere, ho sempre trovato che quella educativa sia la più interessante: mi piacerebbe lavorare nell'ambito dell'educazione alla salute, parlare con le persone dei loro stili di vita e cercare di migliorarli; diffondere conoscenza su quali siano le abitudini più salutari. In poche parole: vorrei poter lavorare con l'informazione.
Scrivere su giornali (generalisti o specializzati), ma anche scendere nelle strade a informare i passanti, aprire siti web in cui diffondere conoscenza, organizzare eventi mirati alla sensibilizzazione della popolazione sulle tematiche più importanti della salute.

Credo che l'informazione sia una delle vie più importanti per arrivare finalmente a un buon livello di benessere della popolazione, perchè possiamo avere anche tutti i farmaci, le tecnologie e le strutture ospedaliere che vogliamo, ma senza un adeguato grado di informazione, l'utenza non sarà mai in grado di utilizzare a dovere tutti questi fantastici strumenti.

Ecco, questo è in poche parole il mio credo, ed è quello con cui vorrei lavorare. So che per poterlo fare al primo incarico mi servirà un pizzico di fortuna. Spesso, quando spiegavo questo mio sogno ad altri infermieri o compagni di università, ricevevo risposte tipo "guarda che gli infermieri non fanno queste cose; gli infermieri si spaccano la schiena in reparto e fanno le notti". Detesto questa visione retrograda, e con il mio lavoro sull'informazione vorrei modificare anche questo tipo di false credenze, che trovo molto dannose per la professione e per la popolazione tutta.

Ora vi chiedo: sapete da dove potrei cominciare? Sto per trasferirmi a Milano (non dipende da me, se potessi andrei altrove). Qualcuno sa dove potrei trovare un lavoro come quello che ho descritto in questo post?
So che tutte le ASL comprendono Unità Operative specifiche che si occupano di promozione della salute (ci ho anche fatto tirocinio), ma io cerco altre idee meno banali. Oltretutto, preferirei rimanere nell'ambito del privato, perchè dopo Milano dovrò spostarmi ancora e ancora (per questioni di famiglia), e un impiego pubblico mi frenerebbe troppo.

Grazie in anticipo e buona giornata.

Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 409
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da Ginevra » 11/01/2019, 15:47

Bona ha scritto:
11/01/2019, 11:51
Buongiorno a tutti!

Ho conseguito la laurea triennale in Infermieristica qualche mese fa e poi mi sono concesso un breve periodo sabbatico all'estero per aprire la mente e capire cosa voglio dalla vita. Ma ora è giunto il momento di mettersi al lavoro, e quindi chiedo a voi qualche dritta per orientarmi.

Tra tutte le competenze dell'infermiere, ho sempre trovato che quella educativa sia la più interessante: mi piacerebbe lavorare nell'ambito dell'educazione alla salute, parlare con le persone dei loro stili di vita e cercare di migliorarli; diffondere conoscenza su quali siano le abitudini più salutari. In poche parole: vorrei poter lavorare con l'informazione.
Scrivere su giornali (generalisti o specializzati), ma anche scendere nelle strade a informare i passanti, aprire siti web in cui diffondere conoscenza, organizzare eventi mirati alla sensibilizzazione della popolazione sulle tematiche più importanti della salute.


Grazie in anticipo e buona giornata.
uno dei compiti dell'infermiere è l'educazione alla salute. Io lo faccio normalmente anche dopo aver praticato l'enteroclisma, sulla prevenzione della stipsi, oppure sulla prevenzione delle malattie coronariche in occasione di un Ecg.
Quello che non capisco, come puoi lavorare da infermiere libero professionista e fare solo il promotore alla salute. Non credo che l' utente privato ti apra la porta di casa per essere informato su come vivere 120 anni (cit). A meno che non fai contratti con strutture private e pubbliche.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5754
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da franco » 12/01/2019, 20:55

Che io sappia in ambito infermieristico gli unici che ne hanno fatto un attività sono quelli di Nurse24.
In effetti evidenziano che c'è un mercato dell'informazione sanitaria perché hanno tantissime letture per articoli sulle malattie.
L'unica pecca è che si definiscono nurse reporter e l'utente non sa che il nurse è un infermiere e il termine reporter richiama al giornalista.
Dal lato pratico dovresti scrivere bene e avere una buona capacità di utilizzare i motori di ricerca per offrire notizie aggiornate.
Scrivendo 2 articoli al giorno fra un anno dovrebbe darti uno stipendio.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Decatron
User expert
User expert
Messaggi: 650
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da Decatron » 13/01/2019, 12:44

Gli infermieri servono per somministrare terapia e lavare pazienti.
Le persone non sono interessate al parere di un infermiere su come condurre stili di vita.
Sopratutto considerando che una buona percentuale della categoria è sovrappeso e fuma.

Daresti retta a un infermiera con qualche kilo di troppo che tra una sigaretta e l altra ti insegna come vivere?

L unica soluzione che hai è creare un blog e sperare vada bene.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5754
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da franco » 14/01/2019, 19:36

Decatron ha scritto:
13/01/2019, 12:44
Gli infermieri servono per somministrare terapia e lavare pazienti.
Le persone non sono interessate al parere di un infermiere su come condurre stili di vita.
Sopratutto considerando che una buona percentuale della categoria è sovrappeso e fuma.

Daresti retta a un infermiera con qualche kilo di troppo che tra una sigaretta e l altra ti insegna come vivere?

L unica soluzione che hai è creare un blog e sperare vada bene.
Vedi Decatron per fortuna non sono i luoghi comuni e i pensieri tristi che decidono cosa devono fare gli infermieri.

Decidono i sognatori, quelli che intraprendono un viaggio solo per il gusto di farlo, solo perchè vogliono essere i primi a fare quel percorso e sanno che tracceranno un sentiero che gli altri potranno percorrere.
Un pò come quei sentieri nei boschi e nelle montagne, nessuno sa chi fu il primo, eppure tutti ci camminano sereni.

Tanti colleghi lavorano e fanno quel qualcosa in più, visionari a cui basta un idea ed un pensiero "io lo posso fare".

Poi ci sono quelle persone, quei visionari che sognano in grande solo perchè immaginano il lavoro che farebbero gli altri e allora gli viene facile immaginare migliaia di persone che fanno qualcosa che nei loro sogni è giusto solo perchè lo pensano, ma si chiamano esperti in "seghe mentali".
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2274
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da azbzzz » 15/01/2019, 13:42

Leggere questi post mi dà speranza, sì, di trovare un giorno quello che sto continuamente cercando: il mio strameritato VITALIZIO. : Groupwave :

Bona
New User
New User
Messaggi: 13
Iscritto il: 20/10/2017, 18:34

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da Bona » 15/01/2019, 17:43

franco ha scritto:
14/01/2019, 19:36
Decatron ha scritto:
13/01/2019, 12:44
Gli infermieri servono per somministrare terapia e lavare pazienti.
Le persone non sono interessate al parere di un infermiere su come condurre stili di vita.
Sopratutto considerando che una buona percentuale della categoria è sovrappeso e fuma.

Daresti retta a un infermiera con qualche kilo di troppo che tra una sigaretta e l altra ti insegna come vivere?

L unica soluzione che hai è creare un blog e sperare vada bene.
Vedi Decatron per fortuna non sono i luoghi comuni e i pensieri tristi che decidono cosa devono fare gli infermieri.

Decidono i sognatori, quelli che intraprendono un viaggio solo per il gusto di farlo, solo perchè vogliono essere i primi a fare quel percorso e sanno che tracceranno un sentiero che gli altri potranno percorrere.
Un pò come quei sentieri nei boschi e nelle montagne, nessuno sa chi fu il primo, eppure tutti ci camminano sereni.

Tanti colleghi lavorano e fanno quel qualcosa in più, visionari a cui basta un idea ed un pensiero "io lo posso fare".

Poi ci sono quelle persone, quei visionari che sognano in grande solo perchè immaginano il lavoro che farebbero gli altri e allora gli viene facile immaginare migliaia di persone che fanno qualcosa che nei loro sogni è giusto solo perchè lo pensano, ma si chiamano esperti in "seghe mentali".
Tutto questo descrive abbastanza fedelmente quello che mi passa per la testa da quando ho capito quale ruolo vorrei giocare nell'ambito dell'infermieristica e della salute in generale.
Io mi ritengo un sognatore, e molto spesso le mie idee per il futuro sono state salutate con poco entusiasmo oppure con frasi del tipo "non esiste nulla del genere, non si può fare". Ma io credo che per creare un cambiamento, un progresso, sia fondamentale che "non esista nulla del genere". Io quel qualcosa che non esiste voglio crearlo, e questo sarà il mio contributo alla professione.

Mi rendo conto però che non posso pretendere di iniziare subito da dove voglio io. Forse prima mi farà bene iniziare da qualcosa di più canonico, per apprendere al meglio le basi della professione.
Per cui ora ridimensiono la domanda e ve la pongo di nuovo:

In un modo o nell'altro, tra qualche settimana dovrò trasferirmi a Milano e trovare un lavoro come infermiere. Ma non ho idea di dove/come cercare. Ho visitato qualche sito specializzato nella ricerca di lavoro, ma mi ha fatto solo una gran confusione.
Sarei molto grato se qualcuno di voi sapesse darmi qualche indicazione su:
- Strutture a Milano che cercano infermieri (tenendo conto che io non ho ancora nessuna esperienza e questo sarebbe il mio primo incarico come infermiere).
- Siti internet con offerte di lavoro (io conosco i siti generici, come "infojobs" e "indeed", ma magari voi saprete consigliarmente alcuni dedicati all'ambito sanitario, se esistono).
- Agenzie del lavoro dove potrei recarmi per ricevere l'aiuto di qualche esperto nella ricerca di un lavoro (come accade in UK).
- In generale come dovrei muovermi per trovare lavoro partendo da zero (ho solo la laurea e l'iscrizione all'ordine).

Grazie di nuovo e buona serata!

xazz
New User
New User
Messaggi: 48
Iscritto il: 27/10/2017, 19:42

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da xazz » 15/01/2019, 18:24

Complimenti per l'idea e lo spirito, attenzione che poi iniziando a lavorare sul campo poi un po'passa e si entra nel meccanismo già descritto dai colleghi.
Da parte mia ti segnalo che in Lombardia si sta cominciando a parlare di infermiere di famiglia, che potrebbe essere una buona idea per restare nell'ambito da te indicato. Bisogna però essere pronti a cogliere la palla al balzo quando diventerà effettivamente operativo e non perdere il treno.

Per quanto riguarda lo scrivere o partecipare ad eventi ti consiglio eventualmente di contattare l'ordine di Milano e sentire se fanno iniziative di promozione nei confronti della popolazione ed eventualmente dare la disponibilità a partecipare o anche a scrivere sulla rivista.

Per la ricerca di lavoro i consigli sono sempre i soliti, cerca un elenco delle strutture private, vai a portare i curriculum, non credo farai fatica a trovare lavoro lì. Altrimenti prova a contattare l'informagiovani, qualche dritta dovrebbero dartela.
https://www.comune.milano.it/wps/portal ... are+lavoro
Su quanto possa rendere un blog ti risponderà Franco..

In bocca al lupo.

azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2274
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da azbzzz » 16/01/2019, 2:25

Per un infermiere la via più semplice per trovare lavoro è fare un concorso. : Sig :

Decatron
User expert
User expert
Messaggi: 650
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Lavorare nella promozione della salute, informazione, prevenzione (MILANO)

Messaggio da leggere da Decatron » 19/01/2019, 4:41

franco ha scritto:
14/01/2019, 19:36
Decatron ha scritto:
13/01/2019, 12:44
Gli infermieri servono per somministrare terapia e lavare pazienti.
Le persone non sono interessate al parere di un infermiere su come condurre stili di vita.
Sopratutto considerando che una buona percentuale della categoria è sovrappeso e fuma.

Daresti retta a un infermiera con qualche kilo di troppo che tra una sigaretta e l altra ti insegna come vivere?

L unica soluzione che hai è creare un blog e sperare vada bene.
Vedi Decatron per fortuna non sono i luoghi comuni e i pensieri tristi che decidono cosa devono fare gli infermieri.

Decidono i sognatori, quelli che intraprendono un viaggio solo per il gusto di farlo, solo perchè vogliono essere i primi a fare quel percorso e sanno che tracceranno un sentiero che gli altri potranno percorrere.
Un pò come quei sentieri nei boschi e nelle montagne, nessuno sa chi fu il primo, eppure tutti ci camminano sereni.

Tanti colleghi lavorano e fanno quel qualcosa in più, visionari a cui basta un idea ed un pensiero "io lo posso fare".

Poi ci sono quelle persone, quei visionari che sognano in grande solo perchè immaginano il lavoro che farebbero gli altri e allora gli viene facile immaginare migliaia di persone che fanno qualcosa che nei loro sogni è giusto solo perchè lo pensano, ma si chiamano esperti in "seghe mentali".
Franco sono su questo sito da 4 anni anni e ho sempre provato una profonda stima per il tuo ottimismo.

Io personalmente l'ho perso.. e avevo delle aspettative.
Per carità non mi aspettavo che si arrivasse ai nurse prescriber anglossassoni in Italia ma almeno che si potenziassero le specializzazioni, dato che è dal 2006 che dovrebbero esserci.
Già 6 anni fa c'erano belle paroline su infermiere di famiglia e altre cosine carine.

Ma nei fatti che è cambiato?

La figura dell'infermiere continua a essere quella richiesta dalle strutture per lavare pazienti e date terapia . E questi quando va bene.
Quando va male devono mettersi a passare anche lo straccio per terra.


Vedo molti annunci di lavoro ma mai annunci per figure specialistiche. E che soddisfazione sarebbe vedere "cercasi infermiere specializzato in... impianto picc" ecc.

Io sono stato illuso perché dovrei a mia volta illudere altre persone ?

Certo può provare, ma il mio consiglio è se ambisce a fare di più che il servo della corsia (perché è palese che vuol fuggire da questo) consiglio caldamente di andare dove l'infermiere è considerato un'autorità sanitaria. E quel posto non è (e non lo sarà) l'Italia.

Il popolo italiano teme l'infermiere, non per nulla chiedono sempre il riscontro di ciò che viene detto al medico.

Non siamo mica in Canada qui.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti