Non voglio fare questo lavoro a vita

Forum di discussione generale per gli infermieri
Regole del forum
La domanda è il punto di partenza per arrivare ad una o a tante risposte.
Condividi la tua discussione preferita.
nursestar
User
User
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/12/2016, 16:19

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da nursestar » 04/04/2017, 22:03

Ma si! Una condanna penale per abuso di professione ti impedisce solamente di far concorsi pubblici. Che vuoi che sei. Se poi gli viene una bella artrite settica ci si aggiunge solo una condanna per lesioni gravissime. Ai medici basta dimostrate che hanno fatto tutto secondo linee guida. Noi non abbiamo questo scudo dato che l infiltrazione è atto medico esclusivo

Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 352
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da Ginevra » 04/04/2017, 22:31

UFFA! :((

Decatron
User
User
Messaggi: 470
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da Decatron » 04/04/2017, 23:43

Ginevra ha scritto:
Decatron ha scritto:
Ginevra ha scritto:http://iaform.it/formazione-ecm-medici/ ... AqAP8P8HAQ

chissà se si può intruffolare un Dottottore in Infermieristica: Groupwave :
Bellissimo Corso di sucuro successo professionale.
Ma siccome il succulento osso
c'è l'hanno stretto
tra i denti
lacasta
a noi
non
rim
che
: Hurted : singh

Che?! : Blink :
p.s. sono riuscito a capire, questo corso sarebbe totalmente inutile per un infermiere che non può prescrivere.

ma si, ma chi se ne frega, imparo a fare le infiltrazioni antalgiche, tanto non mettono in galera neppure se ammazzi un povero cristo, figurati se ci mettono in gatta buia per un antidolorifico nel ginocchio o nella scopolo omerale.
Scusate, ma oggi sono particolarmente riccio spinoso....
Non sarebbe male se l'infermiere della terapia del dolore per pz oncologici decidesse in autonomia quale antidolorifico dare al malato.
L'infermiere è li.. valuta.. parla con il paziente.. discute delle esigenze..
però no.. il farmaco lo sceglie il medico che neanche lo vede mai quel povero cristo.

Si potrebbero fare tante piccole cose per migliorare la professione.
Ma no.. noi dobbiamo essere meri esecutori.

nursestar
User
User
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/12/2016, 16:19

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da nursestar » 05/04/2017, 1:02

Ma dici sul serio? giusto giusto nei pazienti oncologici ti vuoi mettere a fare terapia del dolore? Quelli in cui bisogna considerare decine di interazioni farmacologiche, tossicità epatica, renale, cardiaca etc? Una cosa è consigliare una tachipirina a un 20enne con l influenza e un'altra gestire fentanil, morfina etc in un paziente oncologico! E poi io rimango della mia idea: se fare l infermiere non basta, se ci si scopre (legittimamente) affascinati dalla gestione clinica dei pazienti, ci si puó tranquillamente iscrivere a medicina. Esattamente come un oss si puó iscrivere a infermieristica se vuol gestire cvp o somministrare farmaci invece di spendere il 90% del tempo a parlar male di noi. L ideale sarebbe eliminare tutti i corsi di laurea delle ps per poi istituirne uno con sistema scalare (base biennale uguale per tutti e successive ramificazioni).

Decatron
User
User
Messaggi: 470
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da Decatron » 05/04/2017, 3:23

Seppur lentamente , molto lentamente... le cose stanno cambiando.
10-15 anni fa sulle confezioni di farmaci leggevi solo ed esclusivamente "in caso di dubbio chiedere al medico o al farmacista" .
Ultimamente su sempre più farmaci compare "medico-farmacista e infermiere".
Ora non so se è perché le aziende farmaceutiche italiane iniziano a credere di più nella figura infermieristica o se è solo una traduzione non corretta dall'estero.
Leggere quei bugiardini però mi ha fatto piacere, mi ha fatto sentire per qualche istante professionista.
Solo qualche istante, poi sono tornato alla realtà.

Realtà in cui non mi fido di farmi consigliare un fans da molto colleghi laureati e non.

I farmaci per il dolore oncologico quelli sono. Effetti contro effetti è tutti i cazzi quelli sono.
Non voglio fare il medico, non voglio essere io a dire che una persona ha il cancro o meno, non voglio io fare la diagnosi. Lascio questo a chi ha più "fegato" di me nel dire che una persona sta morendo.

Il trattamento del dolore è una delle basi del nursing, il paziente che ha dolore non mangia, non dorme, non riposa, non beve.. Il dolore altera tutti i bisogni fisiologici.
Bisogni fisiologici alla base del nursing.
Ora.. se un infermiere mette un catatere. . Bene.. sei ancora infermiere.. non sei accusato di essere un mancato urologo.
Se un infermiere mette un sondino naso gastrico ok.. tutto bene.. non sei accusato di essere un gastroenterologo.
Se un infermiere parla di gestire una terapia, e ripeto gestire non elaborarla non diagnosticare, semplicemente gestire.. si parla di essere un medico mancato.

Io solo un infermiera della terapia del dolore ho conosciuto.. praticamente faceva tutto da sola da anni..
Nei limiti ché poteva aveva molta libertà anche di scelta del farmaco.
Ma non è autorizzata dalla sanità a farlo, non è retribuita per farlo.
Non si lamenta però perché gli fa piacere.

Quando parlo di introdurre corsi adeguati parlo di corsi in aula con esami della durata di minimo un anno.
Non i corsi ecm che vi fanno fare sul computer dove vedi le risposte su Google al momento.

Potrei stare qui per anni a ripetere sempre le.stesse cose.
Ma tanto non cambia, c'è proprio questo muro di Berlino di.mezzo che non riusciremo mai ad abbattere.

Prima o poi, che sia un anno o 10 ,20 , 50 anni anche gli infermieri potranno prescrivere le terapie su malattie già dignosticate e in trattamento anche qui in Italia, come già accade negli usa, alcune nazioni d'Europa, in Africa. E come è giusto che sia.

E non sarà per spinta e coesione degli infermieri come lo è stato in altri paesi. Sarà perché lo stato vuole risparmiare.
E quando lo stato metterà parola non obbietterete seppur contrari, perché vi hanno insegnato ad obbedire ai piani alti borbottando a testa bassa.
In quel singolo e speciale caso sarò contento che non farete casino.

nursestar
User
User
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/12/2016, 16:19

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da nursestar » 05/04/2017, 9:47

Io non credo che accadrá per una questione di risparmio. In Inghilterra spendono molto più di noi in sanità pubblica pur avendo infermieri specializzati che fanno diagnosi e terapie con una gestione clinica quasi sovrapponibile a quella dei medici. E il motivo è semplice: devono spendere di più in formazione e retribuire maggiormente gli infermieri specialisti per le responsabilità che si assumono. Come ti spieghi che Italia, Grecia e Spagna hanno sistemi sanitari che costano meno dei paesi del nord in cui gli infermieri hanno maggiori competenze?

Decatron
User
User
Messaggi: 470
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da Decatron » 05/04/2017, 13:50

Perché in Italia al pronto soccorso si fanno attese di 8-10 ore.
In uk se aspetti oltre 30 minuti in ps ti rimborsano.
Ci tengono alla soddisfazione del cliente/paziente. . È quello che costa.

Avatar utente
Dearg-Due
User Senior
User Senior
Messaggi: 2893
Iscritto il: 27/07/2009, 16:56
Lavoro e cerco...: Aspirante Infermiere Forense, per sbattere sotto il naso le leggi a chi fa conto sull'ignoranza della categoria per approfittarsene e fare il bello e cattivo tempo utilizzando professionisti laureati come camerieri e factotum.

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da Dearg-Due » 05/04/2017, 20:19

nursestar ha scritto:...
... Spagna hanno sistemi sanitari che costano meno dei paesi del nord in cui gli infermieri hanno maggiori competenze?
Piano con la Spagna... gli Infermieri sono collocati al gradino più alto di tutta la gerarchia sanitaria dei non-medici.
Sopra di loro, i medici.
Sotto di loro, tutti, fisioterapisti, audiologi, dietisti, etc. etc..
E hanno competenze maggiori delle nostre.
Spagna, fino a 30 anni terzo mondo d'Europa, adesso ci mangia la pappa in capo.
Disarmante... disarmante e sconcertante accorgersi di quanto colei che consideravi unica era in realtà una povera psicopatica patetica e sfigata.

Avatar utente
xx46it
User Senior
User Senior
Messaggi: 3242
Iscritto il: 13/07/2009, 20:59

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da xx46it » 05/04/2017, 23:16

Vorrei puntualizzare che nel Regno Unito forse stanno meglio a rimborsi, ma ci sono moltissimi inglesi che si curano nel nostro Paese e rinunciano a tornare a casa , anche con patologie gravi preferiscono stare qui.
Mi è arrivata voce che in UK si fa la fila anche per le cure oncologiche, qualsiasi sia la gravità e l'urgenza ....
quindi rimangono qui, hanno la certezza di cure in tempi brevi.
Il paradiso sanitario non esiste, la coperta è corta ovunque.
"Ci sono due modi di vivere la vita, uno è come se niente fosse un miracolo, l'altro è come se tutto fosse un miracolo"
Albert Einstein

nursestar
User
User
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/12/2016, 16:19

Re: Non voglio fare questo lavoro a vita

Messaggio da leggere da nursestar » 06/04/2017, 17:03

L NHS è messo veramente male pur spendendo molto di più rispetto a noi, e non credo che la sia la spesa per i pronto soccorso ad affossarlo. Gli infermieri spagnoli poi non è che facciano molto più di noi. Possono prescrivere farmaci di libero acquisto ma anche mio cugino (che è elettricista) puó farlo

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti