scienze infermieristica

Forum di discussione generale per gli infermieri
Regole del forum
La domanda è il punto di partenza per arrivare ad una o a tante risposte.
Condividi la tua discussione preferita.
Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5443
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da franco » 22/09/2017, 7:19

Ci sono due cose lavoro e teoria.
No non sono questione di buon senso, ma di scelta.
Scelta di comunicare in modo professionale di mettere il tuo assistito al centro e di avere come obiettivo di trovare soluzioni.

Tutte le materie universitarie partono dalle basi, quelle cose dette anche alle medie, ma è il linguaggio tecnico e il rispetto che le differenzia.
A scienze naturali ho usato un microscopio elettronico per vedere il citoscheletro, e i primi strumenti che ho dovuto usare sono un seghetto da legno e un morsetto.

I letti sono letti, il non volerli guardare e ignorarli non è professionale.
Quando l'infermiere farà il giro letti con un OSS e lo farà, e deve imparare dall'oss quello è professione?
I letti cosa ci sarà mai, eppure a distanza di decenni si sono accorti che a seconda di come sono lavati sono causa di LDP, ops usciamo dalle nozioni del reparto.
I letti cosa ci sarà mai da sapere eppure c'è chi è convinto che togliendo le lenzuola il materasso antidecubito sia più efficace, peccato che la cerata è antiscivolo e aumenta l'attrito e quindi le lesioni per frizione tipo nel tallone e nei glutei.
I letti cosa ci sarà mai da sapere, eppure se utilizzati bene consentono di mobilizzare i pazienti senza fatica.

Il problema sul lavoro è chi non vuole cambiare, chi USA gli errori del sistema e li evidenzia solo per giustificare la propria inefficienza e voglia di fancazzismo.

Poi ci sono gli infermieri di azbzzz pochi o tanti, non sono quelli da cui ho bisogno di imparare.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

pino100
New User
New User
Messaggi: 68
Iscritto il: 11/01/2016, 10:05

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da pino100 » 22/09/2017, 8:30

Aggiungi pure di tirare bene le.lenzuola.senno le pieghe fanno venire le piaghe....
Continui ad elencare cose che richiedono semplice buon senso e non giustificano un percorso di studio così lungo......Un po' quello che fanno il lavaggio del cervello agli studenti giustificando che l igiene é l unica occasione x valutare il pz e creare un rapporto empatico.....!!!!
Secondo il tuo modo di ragionare é anche normale che gli infermieri puliscano le sale operatorie perché é un ambiente critico che richiede nozioni che presuppongono una conoscenza superiore x garantire un ambiente sterile.......
http://www.nursetimes.org/gli-infermier ... lasl/39285
Per chiarirci a me sta bene che l infermiere faccia il letto porti le pale e il pappagallo ecc ma ad una condizione ....che si diventi infermiere con un percorso professionale di un paio di anni come succede in Germania.....se mi fai laureare x fare cose che ripeto richiedono solo diligenza cercando di giustificare arrampicandoti sugli specchi ...mi stai prendendo in giro...ed è normale rivendicare mansioni consone al percorso che mi hai fatto studiare...

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5443
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da franco » 22/09/2017, 14:40

Pino100 stiamo parlando di cose diverse.
Io di applicare conoscenze e comunicazione.
Tu roprendi nursetimes che generalizza ed un caso di un infermiere non rappresenta gli infermieri.
Tu fai terapia, non ti pulisci il carrello, fai medicazioni e il carrello?
Lo lasci sporco giri con materiale sporco svolazzante o aspetti un OSS che si liberi.
Adesso vedo tanti medici specializzandi, ragazzi che si fanno un culo che non ti immagini, e fanno tutto, compreso aiutare un infermiere, basta comunicare e rispettarsi.

Vedi pino100 da giovane mi facevo coinvolgere dai luoghi comuni, dai colleghi risultato se cera da fate un assemblea tutti pronti, ma se c'era da mettere mano al portafogli e prendere l'avvocato sparivano, il lamentismo è roba vecchia, non mi interessa più di tanto.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2070
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da azbzzz » 22/09/2017, 18:15

Franco la tua posizione è palesemente indifendibile. Convinto tu, convinti tutti.

Decatron
User
User
Messaggi: 470
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da Decatron » 22/09/2017, 20:29

Vedo Franco come l'infermiere ideale, si vede che crede nella professione e in quello che fa.
Per Franco magari fare il giro letti è una cosa corretta, e penso che su questo sia molto più portato mentalmente di me e tanti altri.

Il problema non penso che sia Franco, Franco è l infermiere che la società è l ipasvi stessa, e che molti infermieri vogliono.

Io personalmente mi scazzo quando devo fare qualcosa come portare padelle o fare un igiene. Mi viene ogni volta la frase '' laurea per fare questo? ''

Anche a livello di considerazione.
Se entro in una stanza e dico ''signore devo fare un ecg serve per controllare l attività del cuore' ', il paziente mi tratta con rispetto perché pensa che sono un medico (lo comprendo dopo).

Se invece qualcuno mi chiama per portare una padella o accompagnare un paziente in bagno mi trattano come fossi una prostituta da 4 soldi.

E che se ne voglia a livello mentale questo influenza molto.

Però probabilmente sono io sbagliato che non reggo queste situazioni.. Forse il vero infermiere dentro accetta anche questo.

pino100
New User
New User
Messaggi: 68
Iscritto il: 11/01/2016, 10:05

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da pino100 » 23/09/2017, 8:07

Decatron ha scritto:
22/09/2017, 20:29


Anche a livello di considerazione.
Se entro in una stanza e dico ''signore devo fare un ecg serve per controllare l attività del cuore' ', il paziente mi tratta con rispetto perché pensa che sono un medico (lo comprendo dopo).

Se invece qualcuno mi chiama per portare una padella o accompagnare un paziente in bagno mi trattano come fossi una prostituta da 4 soldi.

E che se ne voglia a livello mentale questo influenza molto.

Però probabilmente sono io sbagliato che non reggo queste situazioni.. Forse il vero infermiere dentro accetta anche questo.
A me fanno incazzare quelli che a tutti i costi con argomentazioni risibili e arrampicandosi sugli specchi vogliono giustificare che il fare i letti l igiene o portare i pappagalli richiedono addirittura 3 anni di università
É palese che é una forzatura. Se si è voluta una istruzione universitaria x l' infermiere era x rompere quel retaggio culturale missionario e clericale.. sennò saremo rimasti ai corsi professionali dove la gente che si iscriveva non aveva nemmeno un diploma di maturità e non si lamentava di fare il letto ecc.... perché consapevole di non avere nessuna istruzione e si adattava pur di lavorare....

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5443
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da franco » 23/09/2017, 12:34

Decatron ha scritto:
22/09/2017, 20:29
Vedo Franco come l'infermiere ideale, si vede che crede nella professione e in quello che fa.
Per Franco magari fare il giro letti è una cosa corretta, e penso che su questo sia molto più portato mentalmente di me e tanti altri.

Il problema non penso che sia Franco, Franco è l infermiere che la società è l ipasvi stessa, e che molti infermieri vogliono.

Io personalmente mi scazzo quando devo fare qualcosa come portare padelle o fare un igiene. Mi viene ogni volta la frase '' laurea per fare questo? ''

Anche a livello di considerazione.
Se entro in una stanza e dico ''signore devo fare un ecg serve per controllare l attività del cuore' ', il paziente mi tratta con rispetto perché pensa che sono un medico (lo comprendo dopo).
Vedi Decatron stai facendo del lamentismo.
Dei capricci e basta e chiunque ti fa delle riflessioni viene additato come cattivo.
Io non ho mai detto che è giusto fare il giro letti, ma ti ho chiesto di distinguere fra lavoro e studio.
Studiare all'università come fare un letto o l'igiene ad un paziente, si è corretto.

Perchè il CCNL e l'organizzazione del lavoro che oggi c'è può prevedere anche quello.
Perchè se in libera professione fai un assistenza a domicilio per una notte e il evacua nel pannolone,DEVI cambiarlo, non ci sono giustificazioni.

Guardando i BUR mi sembra in lombardia e c'era un bando per un primario di una riabilitazione e lo staff, 12 OSS per 40 letti, secondo te non usano anche gli infermieri?
Questo è quello che prevede la legge, e se la legge prevede un infermiere che fa il giro letti e lava i pazienti, NON trvo giusto infamare i coleghi. Ogni uno è e deve essere libero di scegliere che contratto scegliere.
Ci si lamenta che non siamo rispettati e poi siamo i primi a ridicolizzare i colleghi, non si una bella campagna di immagine.

Il fatto che non ci sia una cultura infermieristica universitaria e scientifica lo dimostra che ci si lascia andare a discussioni ripetitive e non c'è condivisione di esperienze e casi reali, anzi non esiste neanche una rivista del genere.

Ti aggiungo un altra cosa, quasi un OT, in realtà esiste un lamentismo cronico strategico, che vuole vedere divisioni, quello sta con quello, quello con quell'altro e le campagne non sono mai fini a se stesse, perchè soprattutto su internet chi scrive a spesso un obiettivo chiaro se tocca un nervo scoperto lo continua a lavorare per mantenere l'attenzione se è su facebook, oppure avere una posizione dominante per essere il primo risultato per google e poi per fare content marketing verso altri prodotti o associazioni.
Ovviamente non si proporranno mai soluzioni, altrimenti il discorso perderebbe di efficacia.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Decatron
User
User
Messaggi: 470
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da Decatron » 23/09/2017, 19:31

Franco il mio non era un messaggio di accusa.

Comunque a me il compito occasionale, a patto che sia OCCASIONALE, evento straordinario non abitudinario non da fastidio.
Se c'è un urgenza e c'è da portare una padella.. Qual è il problema? Per me dovrebbe farlo qualunque operatore sanitario e medico.
Il problema è che l infermiere è l unico proposto per questo.
E se non c'è l oss amen l infermiere sostituirà l oss.

Io purtroppo ho iniziato il percorso con un ottica diversa e una buona considerazione della figura.. Mi ritrovo in un realtà totalmente differente.
E confrontandomi con colleghi di studio vedo che non sono l unico a trovarmi con queste sensazioni.

topotm1971
New User
New User
Messaggi: 12
Iscritto il: 17/05/2011, 11:30

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da topotm1971 » 23/09/2017, 23:23

Scusate l'intromissione, ma il problema è come sempre politico e culturale. Per quanto concerne il primo aspetto, con il corso Universitario si è voluto avere un badget florido e disponibile nelle tasche di "alcuni" per i propri fini che, purtroppo, visto l'egoismo dell'essere umano spesso non coincidono con quelli della comunità in generale, difatti non si chiama "FACOLTÀ DI INFERMIERISTICA" ma guarda caso di Medicina (potrei continuare all'infinito sull'argomento, ad esempio sapete che esiste un Corso Universitario online alla Sapienza? Per quale motivo è stato istituito? Per andare incontro alle esigenze di studenti fuori sede o per fare cassa, visto che sono stati ammessi studenti con punteggi ai test di ammissione ridicoli?). Mi fermo qui....Per quanto concerne il secondo aspetto, ossia quello culturale, vi ricordo che centinaia di anni in cui il medico è sempre stato il Medico e l'infermiere il "guardiano dei matti" fino al 1971, non si cancellano con l'istituzione di un falso corso universitario, se poi ci mettiamo anche l'ignoranza generale della categoria che riesce bene solo in pettegolezzi e dicerie, ma mai dimostrando vere capacità di risoluzione dei problemi e maturità professionale, ecco che il gioco è fatto.
Per quanto riguarda la domanda iniziale credo di dover dire con tutto il cuore al ragazzo che si accinge ad intraprendere il corso che l'infermiere oggi in Italia è impantanato in un passato che non riesce a scrollarsi di dosso e che lo relega a tutta una vita lavorativa nella medesima posizione funzionale con scarse o nulle possibilità di carriera (le uniche possibili sono quelle che derivano da relazioni sindacali) e, quindi, faccia un esame approfondito di se stesso e delle sue aspirazioni prima di rimanere ingabbiato in un mondo lavorativo davvero IMPERFETTO.
P. S. Dimenticavo che la realtà descritta vale in modo diverso in tutta Italia ma si rivela con tutta la sua virulenza da Roma in giù.
Auguri.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5443
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: scienze infermieristica

Messaggio da leggere da franco » 24/09/2017, 12:53

Grazie topotm1971
Hai aperto un punto di vista importante.
Se ricordo bene qualcuno mi aveva fatto notare che le università avevano ulteriori incentivi sulla base del numero di laureati.
Se cerchi online ci sono tesi di laurea da 100 pagine ma anche di 20.
Per fare il docente ci vuole la magistrale, OK, ma poi cosa insegnano qualcosa che non hanno mai fatto ma solo letto sui libri?

azbzzz è realista e ha ragione lo so, però se non si propongono delle opzioni fattibili è grigia.
Le associazioni che possono essere di aiuto per una crescita fattiva si contano sulle punte delle dita.
Questo non vuol dire che una crescita personale la si può fare riprendendo in mano i libri, per evitare di diventare burocrati il cui obiettivo è solo la procedura.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti