demotivato e depresso... tempo di cambiare strada?

Forum di discussione generale per gli infermieri
Regole del forum
La domanda è il punto di partenza per arrivare ad una o a tante risposte.
Condividi la tua discussione preferita.
Decatron
User
User
Messaggi: 486
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: demotivato e depresso... tempo di cambiare strada?

Messaggio da leggere da Decatron » 05/12/2017, 21:03

azbzzz ha scritto:
05/12/2017, 12:02
Della dignità della professione non interessa nulla a nessuno.
Ho notato. L importante è che accreditano lo stipendio in modo puntuale.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5473
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: demotivato e depresso... tempo di cambiare strada?

Messaggio da leggere da franco » 06/12/2017, 8:40

Lo stipendio è vitale, perché le bollette arrivano puntuali come la morte.
E poi è cosa buona se l'epopea missionaria è finita.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Decatron
User
User
Messaggi: 486
Iscritto il: 08/10/2013, 4:00
Lavoro e cerco...: nonlodico

Re: demotivato e depresso... tempo di cambiare strada?

Messaggio da leggere da Decatron » 07/12/2017, 12:12

franco ha scritto:
06/12/2017, 8:40
Lo stipendio è vitale, perché le bollette arrivano puntuali come la morte.
E poi è cosa buona se l'epopea missionaria è finita.
L'epoca missionaria non finirà MAI.
C'è sempre chi mette il bene del paziente avanti al proprio, io non lo farò mai.
Perché sono cosciente che per far star bene altri devo stare bene io in primis.
Essere demansionato e sfruttato per pochi spicci mi fa lavorare male ergo non posso fare il bene di altre persone.

Quando mi dicono ''ah sei infermiere, la tua è una missione, sei dedito alle persone malate ecc ecc''.
Rispondo ''no, sono un professionista laureato, lavoro se mi pagano altrimenti me ne sto a casa a farmi i fatti miei.''

E improvvisamente ti guardano male, ma questo solo se lo dice l' infermiere.. Se lo dice il medico va bene eh.

Il problema è che si è passato da una fase di missionari a una fase di '' prendo tutto quello che capita basta che lavoro''.

E così scopri la realtà.. Quella non proprio piacevole dell'Ospedale caldo e accogliente.

Trovi la realtà delle case di cura che ti pagano 5 euro l'ora a partita iva, in cui fai tutto tranne che L'infermiere.
Tra cui anche passare lo straccio sul pavimento.

Io personalmente rifiuto, ma il 90% la fuori accetta.
Gli stessi che poi si lamentano di avere una miseria a fine mese, gli stessi che faranno sminuire la professione dato che la gente ci vedrà spesso con lo straccio o a portare vassoi con il caffè sopra.. Ed è normale che dirà ''ma davvero sei laureato? Per fare questo?''.

Quando si dice il problema principale degli infermieri SONO gli infermieri stessi. Sono pienamente d'accordo.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti