Scappare da Londra.

L'idea di questo forum nasce dal post di Skyes, infermieristica nel mondo.
Regole del forum
Nel mondo l'infermiere lavora con regole simili alle nostre, poi, esperienze, racconti, riferimenti normativi e tanto altro.
Condividi la tua discussione preferita.
azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2261
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Scappare da Londra.

Messaggio da leggere da azbzzz » 10/03/2018, 10:54

A volte ritornano.
Conosciuto infermiera che e' letteralmente fuggita da Londra per motivazioni professionali dopo tre anni di lavoro.
Non si farebbe mai mettere le mani addosso dal servizio sanitario inglese.
Mi sa che l' eldorado infermieristico si trova in ITALIA.

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5693
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Scappare da Londra.

Messaggio da leggere da franco » 10/03/2018, 11:30

In Italia come all'Estero in ogni posto trovi eccellenze e criticità.
A prescindere come mi diceva un collega, prima di andare in sala chiese da quanto tempo era in servizio chi lo operava.

Sembra una banalità, ma se una persona è in servizio da 10 ore, potrà mai fare un altro intervento chirurgico ed essere efficiente?
Nessuno vorrebbe essere seguito e curato nel proprio servizio perchè vorrebbe dire che ci sono dei problemi seri, vorresti farti fare un emicolectomia o un ciclo di chemio, per favore, un conto è lavorare un conto è essere il paziente.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
Dearg-Due
User Senior
User Senior
Messaggi: 2984
Iscritto il: 27/07/2009, 16:56
Lavoro e cerco...: Ho sbagliato lavoro.

Re: Scappare da Londra.

Messaggio da leggere da Dearg-Due » 12/03/2018, 15:24

In classe di mio figlio alle elementari un babbo portò via il figlio perchè "le maestre non capivano nulla e non insegnavano niente" (ho usato un eufemismo).
La classe era peraltro tenuta da due delle migliori insegnanti di quel plesso, e lo dimostrano l'apprezzamento generale di tutti i genitori (escluso quel soggetto atipico) e la preparazione che fu fornita ai ragazzi.
Quel "figlio", si seppe poi, aveva un DSA già sospettato dalle brave e competenti maestre, per il quale chiedevano una visita specialistica e un insegnante di sostegno, ma che il padre negava e rifiutava.
Tutto il mondo è paese, e anche nella Repubblica Perfetta qualcuno avrebbe da ridire, come qualcosa di qualsiasi genere potrebbe non andare nel verso giusto.
La perfezione non è di questo mondo, e anche nelle migliori eccellenze ci sono le eccezioni.
Il giudizio complessivo su chi è emigrato a lavorare in UK è positivo, e i giudizi si fanno sui grandi numeri, non sul caso singolo che è aneddotico.
Se io avessi basato il mio giudizio sull'assistenza medica e sulla tipologia del lavoro infermieristico italiano in base al primo posto di lavoro che ebbi a quest'ora sarei in carcere per omicidio del mio vecchio monitore.
Non date retta a quello che scrivo

Avatar utente
xx46it
User Senior
User Senior
Messaggi: 3280
Iscritto il: 13/07/2009, 20:59

Re: Scappare da Londra.

Messaggio da leggere da xx46it » 08/09/2018, 21:00

Ho trovato questo articolo con dei consigli per chi programma di lavorare all'estero.
http://www.assocarenews.it/index.php/in ... lle-truffe
A volte la fuga è dettata dal fatto che si è alla prima esperienza lavorativa, per giunta in un paese straniero, iniziare poi non è semplicissimo da nessuna parte.
"Ci sono due modi di vivere la vita, uno è come se niente fosse un miracolo, l'altro è come se tutto fosse un miracolo"
Albert Einstein

Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 384
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Re: Scappare da Londra.

Messaggio da leggere da Ginevra » 05/11/2018, 15:50

azbzzz ha scritto:
10/03/2018, 10:54
A volte ritornano.
Conosciuto infermiera che e' letteralmente fuggita da Londra per motivazioni professionali dopo tre anni di lavoro.
Non si farebbe mai mettere le mani addosso dal servizio sanitario inglese.
Mi sa che l' eldorado infermieristico si trova in ITALIA.
azbzzz ha scritto:
10/03/2018, 10:54
A volte ritornano.
Conosciuto infermiera che e' letteralmente fuggita da Londra per motivazioni professionali dopo tre anni di lavoro.
Non si farebbe mai mettere le mani addosso dal servizio sanitario inglese.
Mi sa che l' eldorado infermieristico si trova in ITALIA.
io non conosco la sanità inglese, posso dire che in un grande ospedale del centro di Londra hanno reso mio figlio disabile.
Come è successo?
Vi faccio un riassunto veloce:

Francesco, 25 anni, lavorava a Londra come cuoco. Una sera è uscito con i suoi amici per una birra. All'uscita del pab erano un pò sbronzi, e per gioco hanno fatto a gara a chi manteneva l'equilibrio nel camminare su un muretto stretto e alto circa due metri. Francesco, non riesce a camminare su quel muretto, cade male, ha una distorsione del ginocchio, non riesce a stare in piedi. Arriva l'ambulanza che lo trasporta al pronto soccorso di questo grande ospedale del centro di Londra. Radiografia: frattura del piatto tibiale e lesione dei legamenti. Immobilizzata la gamba con una doccia di cartone. Intervento dopo due giorni. Esce dalla sala operatoria alle ore 15 con fissatori esterni e bendaggio che gli bloccavano la gamba come se avesse avuto una gesso.

Francesco nel post operatorio si lamenta spesso, ha male al ginocchio. L'infermiera controlla tutti i parametri, anche il polso pedideo, gli fa l'antidolorifico. Dice che il dolore è normale perchè è stato appena operato.
Finita l'ora delle visite, mi mandano via, nessun parente o badante può assistere gli operati. Torno da lui la mattina successiva, lo trovo molto sofferente, mi ha detto che è stato male tutta la notte per il forte dolore al ginocchio. Chiamo l'infermiera che procede con i soliti parametri e l'antidolorifico. Il dolore si calma per poche ore, poi ricomincia forte come prima.

Nelle prime ore del pomeriggio, arrivano in camera due medici di corsa, la capo sala e un infermiere, mi fanno uscire senza spiegazioni.
Dopo poco sento mio figlio che fa degli urli disumani, cerco di entrare un camera ma vengo trattenuta fuori dal personale ausigliario. Vedo una persona entrare di corsa con una bombola di gas..

Infine esce dalla stanza il medico e dice " Suo figlio ha avuto una complicanza detta " sindrome compartimentale". Abbiamo dovuto incidere i tessuti della gamba ( 3 tagli di 30cm)per decomprimere i vasi vanguigni e senza anestesia. Adesso è tutto ok."

Rientro in stanza trovo mio figlio che se la rideva, gli avevano dato il gas che porta a ridere ( non so come si chiama)

Il medico ha detto che tutto ok, allora perchè Francesco non muove più il piede, non ha più la sensibilità cutanea?

I medici: tutto ok, il nervo sta dormendo per il trauma. Tra un mese torna tutto a posto. Io rientro in Italia. Francesco è aiutato dai compagni di appartamento.

Dopo un mese lo vado a riprendere, per portarlo in Italia, ha i fissatori esterni, li deve tenere ancora.
Mi accorgo che non ha fatto terapia con fraxiparina, ma solo per i primi 10 giorni dalla dimissione. L'hanno scritto anche nella lettera di dimissione.

Arrivati in Italia, gli faccio fare subito un eco-doppler per la cianosi dell'arto in ortostatismo. << presenza di un coagula di 8 cm nella vena poplitea...>> Terapia : fraxi 8 x 2 ... (ha rischiato anche l'embolia polmonare in aereo)

Dopo quasi due mesi vengono rimossi i fissatori esterni: la frattura del piatto tibiale è guarita. La gamba è paralizzata, non ha più la dorso flessione del piede, ha i muscoli denervati, non ha più la sensibilità...

Operato in neuro chirurgia: << necrosi del nervo...>> quel nervo che passa all'esterno del ginocchio e che innerva la gamba.

Invalidità totale permanente. Deambulazione con molla di Codivilla. Non può fare più il cuoco, ne giocare a pallacanestro

Questa è la sanità inglese. : CoolGun :

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5693
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Scappare da Londra.

Messaggio da leggere da franco » 06/11/2018, 6:56

Ciao
È una storia che gira da anni nel web.
Giudicare la sanità pubblica per un caso, allora dovremmo chiudere tutto.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite