Rimozione di escara post traumatica

Forum di discussione generale per gli infermieri
Regole del forum
La domanda è il punto di partenza per arrivare ad una o a tante risposte.
Condividi la tua discussione preferita.
Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 409
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Rimozione di escara post traumatica

Messaggio da leggere da Ginevra » 26/03/2019, 15:33

Paziente, non deambulate di anni 85, con insuff venosa arti inf. buona alimentazione e idratazione, in trattamento con coumadin.
Si procura accidentalmente una ferita a lembo tre mesi fa, curata dai famigliari, su indicazione del mmg, con fitostimoline.

Ieri vengo contattata per la cura di questa ferita. Trovo che è veramente una ferita molto vecchia del diametro di 10x5 cm, ricoperta da un escara molto spessa. I bordi sono frastagliati e non arrossati.
Decido di rimuovere la crosta perchè appare molto asciutta.
Disinfetto con betadine, e con una pinza sterile e bisturi sollevo un piccolo lembo e tiro. La crosta si stacca senza difficoltà fino al 40% Il tessuto sottostante appare rosa e asciutto. Procedo per la rimozione della restante escara che resiste tenacemente, tiro si stacca un pò e comincia a sangiunare copiosamente. Tampono e dopo pochi minuti si ferma il sangiunamento. Procedo con la curette, ma non è semplice. Riesco solo a scalfire il primo strato di escara.
Decido di fermarmi, anche perchè la paziente non sopporta più il minimo dolore.
Lavo tutta la ferita con fisio + rifocin topico + noruxol + garza grassa + bendaggio.
Decido di medicarla tutti i giorni.
Come faccio a rimuovere l'escara usando noruxol op nu-gel se il 40% della ferita non ne ha bisogno?

Oggi faccio le foto, come posso postarle nel forum?

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5786
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rimozione di escara post traumatica

Messaggio da leggere da franco » 28/03/2019, 7:02

In basso c'è la voce allegati poi invia file.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 409
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Re: Rimozione di escara post traumatica

Messaggio da leggere da Ginevra » 29/03/2019, 15:06

La medicazione in seconda giornata, si presenta come nella foto. Il Noruxol ha avuto effetto autolitico su quasi tutta l'escara e sulla fibrina.
Procedo con il lavaggio + rifocin topico+ NU-GEL + ( costa meno del noruxol) + garza grassa + bendaggio.

Dopo poco vengo richiamata per una copiosa perdita di sangue. Quando arrivo i parenti hanno ripulito tutto, sfasciato e messo sulla ferita della pomata ciccatrizzante foglio di scotex e ghiaccio.

Vengo avvisata che la signora pochi giorni prima, ha avuto nello stesso punto dell'ulcera, un'altra perdita di sangue dalla vena varicosa...
Procedo con la solita medicazione e bendaggio compressivo.

Il giorno dopo, i parenti su consiglio del medico, chiamano l'infermiera di un laboratorio privato per un emocromo.. ha l'Hb a 6.6
Vanno di corsa in ospedale dove le viene infuso tre unità di sangue. Nessuno si preoccupa della ferita alla gamba. Oggi, in 4 giornata, non è stata ancora controllata.
Domanda:
si può applicare noruxol, op NU-GEL su escara op fibrina in presenza di vene varicose sottostanti e in trattamento con coumadin per FA?
Allegati
WP_20190326_16_42_01_Pro.jpg
WP_20190326_16_42_08_Pro (2).jpg

xazz
New User
New User
Messaggi: 57
Iscritto il: 27/10/2017, 19:42

Re: Rimozione di escara post traumatica

Messaggio da leggere da xazz » 30/03/2019, 18:55

Che sappia io non ci sono controindicazioni , l'importante in questo tipo di lesioni è aver pazienza, anche se è partita da lesione a lembo (trattata così cosà da quanto ho capito, altrimenti non avrebbe formato escara).

http://www.circolazionevenosa.it/circol ... inferiori/

Curiosità mia, come mai l'uso di rifocin topico dopo i lavaggi e non l'utilizzo di una pomata come iruxol ?
Poi secondo me se la fai tutti i giorni la garza grassa la puoi risparmiare a meno che non sia eccessivamente sanguinante.

Certo che intanto che è in ospedale un consulto vulnologico si potrebbe fare... Dovrebbero i parenti rompere un po' le scatole ?

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5786
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rimozione di escara post traumatica

Messaggio da leggere da franco » 30/03/2019, 21:53

La lesione richiederà tempo.
Pensiero, il dolore compromette l'autonomia della paziente oppure è invariata?
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 409
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Re: Rimozione di escara post traumatica

Messaggio da leggere da Ginevra » 31/03/2019, 19:52

xazz ha scritto:
30/03/2019, 18:55


Curiosità mia, come mai l'uso di rifocin topico dopo i lavaggi e non l'utilizzo di una pomata come iruxol ?
Poi secondo me se la fai tutti i giorni la garza grassa la puoi risparmiare a meno che non sia eccessivamente sanguinante.

Certo che intanto che è in ospedale un consulto vulnologico si potrebbe fare... Dovrebbero i parenti rompere un po' le scatole ?
l'uso del Rifocin topico è su indicazione di un vecchio medico chirurgo, oramai in pensione. Devo dire che funziona con il Noruxol ad azione enzimatica.

Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 409
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Re: Rimozione di escara post traumatica

Messaggio da leggere da Ginevra » 31/03/2019, 20:50

franco ha scritto:
30/03/2019, 21:53
La lesione richiederà tempo.
Pensiero, il dolore compromette l'autonomia della paziente oppure è invariata?
Purtroppo è vero, caro Franco. Queste lesioni richiedono molto tempo per la completa guarigione. Il problema ( non da poco) è il materiale costoso ( vedi Aquacel Ag, Noruxol, garze alla Connettivina, bende..). L'utente -paziente se non vede il miracolo-guarigione entro due settimane, se ne frega delle spiegazioni. Siii, davanti ti fanno cenno di capire tutto. Poi dietro bla bla su quanto gli costa ulcera.
Il paziente vuole tutto e subito. E siccome noi non abbiamo imparato a fare i miracoli ( ci stiamo impegnando molto ) ma ancora non ci riescono.
Allora, io avviso prima che i tempi sono lunghi e sono liberi di decidere se andare negli ambulatori dell'Asl o farsi curare da me. Amen.

Cmq, quando l'ulcera è in fase di granulazione, quasi sempre lascio istruzione alla famiglia su come medicarla. Loro sono contenti perchè risparmiano. Io sono contenta perchè lascio un buon ricordo della mia consulenza.

Per il dolore, non credo Franco che avesse un gran dolore. Sì , li per lì, durante la medicazione l'avrà avuto, ma poi passa. Poi se vuoi mobilizzare un paziente, la prima cosa da fare, è alleviargli il dolore. Sennò col cavolo lo sposti da quel letto o poltrona.
Nella mia AUSL il problema dolore, l'hanno preso sul serio. Tutti i reparti, In collaborazione con quello di terapia antalgica, fanno veramente cose belle. lo trovi anche scritto dappertutto a caratteri cubitali " OSPEDALE SENZA DOLORE" : Groupwave :

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite