Sindrome compartimentale arto inferiore

Forum di discussione generale per gli infermieri
Regole del forum
La domanda è il punto di partenza per arrivare ad una o a tante risposte.
Condividi la tua discussione preferita.
Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 409
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Sindrome compartimentale arto inferiore

Messaggio da leggere da Ginevra » 30/06/2019, 17:33

vi riassumo brevemente il caso di mio figlio:
sette anni fa ebbe un trauma accidentale alla gamba destra. Fu ricoverato in un ospedale di Londra dove gli venne riscontrata la frattura del piatto tibiale e lesione dei legamenti. Operato dopo due giorni con fissatori esteni e fasciatura dalla coscia alla caviglia.
24 ORE DOPO gli venne riconosciuta la SENDROME COMPARTIMENTALE e operato in camera degenza di FASCITOMIA ( tre tagli di 30cm senza anestesia)
Diagnosi finale:
"necrosi del nervo sciatico popliteo esterno" con conseguente danno permanente alla sensibilita e muscoli della gamba. Invalidità permanente. Deambulazione con molla di Codivilla con tutte le conseguenze future alla spina dorsale, all'anca e ginocchie per la deambulazione claudicante.

Nel post operatorio, le infermiere inglesi passavano spesso a misurare oltre ai parametri vitali, il polso pedideo che era presente, come il colore roseo del piede.
ALLORA COME CAZZO HANNO FATTO A NON ACCORGERSI CHE ERA IN ATTO UNA SINDROME COMPARTIMENTALEEEEE IN UN REPARTO DI ORTOPEDIAAAA. CAZZO MI VIEN DA PIANGERE. MI HANNO ROVINATO MIO FIGLIO. LUI CHIAMAVA SPESSO PER IL MALE INSOPPORTABILE CHE AVEVA A LIVELLO DEL GINOCCHIO. NON PASSAVA NEPPURE CON GLI ANTIDOLORIFICI. L'HANNO PRESO PER IL SOLITO EXRA COMUNITARIO MANGIA SPAGHETTI E ROMPICOGLIONI. MALEDETTI : CoolGun : : CoolGun :
Soltanto i medici il giorno dopo, leggendo probabilmente qualche straccio di consegna, hanno avuto il sospetto che qualcosa non andava e sono arrivati di corsa in camera per la FASCITOMIA.
Ma oramai il danno era inrreversibile. Con artrosi precoce alle articolazioni.

Possibile che in un reparto di ortopedia i paramedici non sappino riconoscere una sindrome compartimentale?
Possibile che non usino strumenti di routine per valutare il rischio di questa sindrome acuta?

Chi ne risponde penalmente?

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5782
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Sindrome compartimentale arto inferiore

Messaggio da leggere da franco » 01/07/2019, 16:31

È una storia che è già girata nel forum.
Ma sempre interessante.
Sicuramente nessuno se le denunce sono sui social.
Poi il medico passa ogni giorno non credo che in Inghilterra sia diverso.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
xx46it
User Senior
User Senior
Messaggi: 3290
Iscritto il: 13/07/2009, 20:59

Re: Sindrome compartimentale arto inferiore

Messaggio da leggere da xx46it » 13/07/2019, 14:59

"Possibile che in un reparto di ortopedia i paramedici non sappino riconoscere una sindrome compartimentale?
Possibile che non usino strumenti di routine per valutare il rischio di questa sindrome acuta?"


Le diagnosi le fanno i medici e non gli infermieri, servono a questo i medici dentro gli ospedali, a fare diagnosi, perchè ad assistere ci siamo già noi infermieri. Sempre che per paramedici intendi gli infermieri. Lo strumento di routine è il medico di solito...direi che 6 anni di medicina e 4/5 di specializzazione lo fanno diventare lo strumento numero uno....
E' preciso compito del medico valutare ogni giorno un paziente ricoverato, altrimenti inutile sia ricoverato.
Medici che avranno documentato in cartella " tre tagli di 30cm senza anestesia"....e dove "Fu ricoverato in un ospedale di Londra dove gli venne riscontrata la frattura del piatto tibiale e lesione dei legamenti. Operato dopo due giorni con fissatori esteni e fasciatura dalla coscia alla caviglia" e dove "LUI CHIAMAVA SPESSO PER IL MALE INSOPPORTABILE CHE AVEVA A LIVELLO DEL GINOCCHIO. NON PASSAVA NEPPURE CON GLI ANTIDOLORIFICI"
dovresti chiedere a loro...ai medici in questione...
comunque questa storia gira da un pò...se si hanno cartelle mediche e quant'altro consiglio di valutare un'azione legale. Non facile visto che parliamo di estero, meglio sentire un legale inglese.
"Ci sono due modi di vivere la vita, uno è come se niente fosse un miracolo, l'altro è come se tutto fosse un miracolo"
Albert Einstein

Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 409
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Re: Sindrome compartimentale arto inferiore

Messaggio da leggere da Ginevra » 13/07/2019, 19:38

xx46it ha scritto:
13/07/2019, 14:59
"Possibile che in un reparto di ortopedia i paramedici non sappino riconoscere una sindrome compartimentale?
Possibile che non usino strumenti di routine per valutare il rischio di questa sindrome acuta?"



...se si hanno cartelle mediche e quant'altro consiglio di valutare un'azione legale. Non facile visto che parliamo di estero, meglio sentire un legale inglese.
hai detto bene <<non facile>>, visto che la legislazione inglese è molto diversa da quella italiana e sopratutto gli avvocati si fanno dare in anticipo tutte le spese di un processo penale (perchè di questo si tratta) , anche 50mila euro. Poi se vinci la causa, li riprendi con il risarcimento. Se perdi la causa, ne devi aggiungere altri...

Avatar utente
xx46it
User Senior
User Senior
Messaggi: 3290
Iscritto il: 13/07/2009, 20:59

Re: Sindrome compartimentale arto inferiore

Messaggio da leggere da xx46it » 14/07/2019, 22:47

Ormai il danno è fatto, conviene farsi tutelare con invalidità civile, l'indennizzo estero potrebbe arrivare dopo anni o mai, lo lascerei perdere. Non sono mai cifre che cambiano la vita.
Tutto questo, a mio avviso, onde evitare di tornare su giorni dolorosi, decidere di voltare pagina potrebbe essere terapeutico soprattutto per l'interessato.
"Ci sono due modi di vivere la vita, uno è come se niente fosse un miracolo, l'altro è come se tutto fosse un miracolo"
Albert Einstein

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti