Detergere o non detergere, questo è il problema?

Non esiste un solo modo per eseguire una tecnica, esiste la tecnica giusta per il tuo assistito. Le foto sono utili per spiegarsi meglio, ma ricorda di chiedete l'autorizzazione del paziente e spiegate il caso per bene.
Guazzo
User
User
Messaggi: 241
Iscritto il: gio lug 09, 2009 10:15 pm
Località: Genova

Detergere o non detergere, questo è il problema?

Messaggio da Guazzo »

In quali casi detergete la cute del paziente e con cosa?

Vedo spesso infermieri detergere la cute prima di una iniezione sottocutanea, prima di un'intramuscolo o prima di un prelievo capillare.

Voi come vi comportate?
Dottore in Infermieristica
Simone Gussoni
Arduino
New User
New User
Messaggi: 15
Iscritto il: sab ago 01, 2009 7:42 am

Re: Detergere la cute o non detergere? Questo e' il problema!

Messaggio da Arduino »

Salve Guazzo,

Attualmente, nel nostro reparto di chirurgia generale, non usiamo molti tipi di disinfettanti per le punture alla cute, ma solo principalmente due (buoni).

Cateteri Venosi centrali di vario tipo: massima asepsi e sterilità (campo sterile ecc.). Usiamo lo iodopovidone o il disinfettante Simp 80 (un disinfettante a base di benzalconio cloruro e clorexidina in soluzione acquosa e pochissimo alcol (non brucia sulla cute lesa); non abbiamo a disposizione la clorexidina al 2% in soluzione acquosa che sarebbe attualmente l'ideale secondo degli studi che ho letto;

Cateteri venosi periferici: massima asepsi e sterilità e usando iodopovidone o se c'è allergia allo iodio, il Simp 80 ;

Iniezioni sottocutanee: disinfezione della cute con Simp 80 (potrebbe bastare una buona detersione con semplice acqua come evidenziato in uno studio che ho letto da qualche parte);

Iniezioni intramuscolari: disinfezione della cute con Simp 80;

Punture per stick glicemici: basterebbe (e sarebbe corretto) lavare la parte da pungere con acqua (lavarsi le mani, per esempio), ma usiamo il disinfettante Simp 80.

Emocolture: iodopovidone o Simp 80 se c'è allergia allo iodio (massimo controllo riguardo l'asepsi per evitare contaminazioni accidentali da parte nostra o del paziente).

Emogasanalisi arteriose e venose: come le emocolture.

Prelievi: con Simp 80.
Ultima modifica di Arduino il lun ago 17, 2009 12:51 am, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 6211
Iscritto il: gio lug 09, 2009 6:54 pm
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Detergere la cute o non detergere? Questo e' il problema!

Messaggio da franco »

Ciao a tutti,
Ciao Arduino
scusa ma non conoscevo il simp80, ho trovato il foglietto illustrativo,
memore dall'infanzia che l'alcol etilico brucia come un accidente ed è dolorosissimo sulla cute lesa,
ho cercato il foglietto illustrativo online,
non indicano quanto alcol c'è,
almeno in questo pdf online
http://www.euroservizionline.it/schede/ABCPDS0360xx.pdf" onclick="window.open(this.href);return false;
ma indicano precauzioni anti incendio,
quindi forse è un disinfettante un po alcolico e infiammabile,
cosa c'è scritto sulla confezione?

Ciao guazzo,
disinfezione sempre quando faccio qualcosa che lede l'integrità cutanea.
I disinfettanti che posso scegliere sono
il neoxinal alcolico che è simile al simp 80 ,
http://www.scamilloforlanini.rm.it/html ... colico.pdf" onclick="window.open(this.href);return false;
http://www.scamilloforlanini.rm.it/html ... colico.pdf" onclick="window.open(this.href);return false;
Il secondo deplian lo definisce chiaramente un prodotto infiammabile e pericoloso.
E mi piacerebbe sapere chi conserva i disinfettanti alcolici in armadietti metallici con scritto infiammabile,
una volta in reparto facevamo così...

Comunque,
io uso i disinfettanti alcolici,
consapevole che sono ottimi per una disinfezione a breve termine,
l'alcol evapora e non resta niente di clorexidina ce n'è l'odore e quindi si degrada poi con le proteine della pelle.
Quindi buono per iniezioni sc im ev posizionamento di agocannule che devono essere impiegate per pochi giorni.
Poi ricordo che se si fora la cute bagata con questi disinfettanti si possono provocare reazioni dolorose,
soprattutto con le agocannule, provocano un dolore pazzesco lungo tutto il braccio,
fortunatamente l'alcol evapora in fretta.

Per EGA, CVC, agocannule che devono durare perchè il pz non ha vene uso lo iodopovidone al 10%
il top che mi passano.
Lo iodopovidone non brucia, ma rende più difficile il reperimento di una via venosa perchè appicicaticcio sulle dita,
basta abituarsi.

Amuchina 5 l'ipoclorito di sodio in soluzione disinfettante,
mi sono trovato ad usarlo con buoni risultati, non è alcolico.

By
:mrgreen:
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)
Avatar utente
dario62
User
User
Messaggi: 302
Iscritto il: sab lug 11, 2009 10:14 pm
Località: italia
Contatta:

Re: Detergere la cute o non detergere? Questo e' il problema!

Messaggio da dario62 »

Per Guazzo
Carissimo Collega, in merito alla problematica che hai segnalato, ritengo che sia piu' appropriato parlare di: disinfezione della cute, e non detersione ( il concetto trova applicazione per strumentario chirurgico, pavimenti, etc.)
.Anche quando la cute presenta abrasioni o lesioni, si possono impiegare disinfettanti non alcolici.
SAluti cordiali DARIO

RSA NURSING UP
Sono disponibile per tutti i colleghi, a consulenza gratuita,inerente la contrattazione collettiva nazionale.Per contatto:328/5474656
Arduino
New User
New User
Messaggi: 15
Iscritto il: sab ago 01, 2009 7:42 am

Re: Detergere la cute o non detergere? Questo e' il problema!

Messaggio da Arduino »

Salve Franco,

riporto alcuni dati, tratti da un recentissimo prontuario terapeutico, riguardanti il Simp 80 (da non confondere con quello esoalcolico, che usiamo pure,
ma solo in alcuni contesti e non sulla cute lesa):

Indicazioni terapeutiche: Disinfezione della cute lesa e disinfezione del campo operatorio.

Effetti indesiderati: possibile bruciore o irritazione, ma dalla mia esperienza non ho mai sentito nessuno che si sia lamentato che bruci.
Lo usiamo, alcune volte preferenzialmente, per la disinfezione delle ferite chirurgiche, anche quelle che stanno guarendo per seconda intenzione;
e per piccole ulcere ed escoriazioni della cute. l'ho usato anche per me e non mi ha causato bruciore.

Lo teniamo nell'armadio di sicurezza anti incendio, ma solo perché non abbiamo altro posto dove metterlo; teniamo la anche la clorexidina al 5%...

E' comunque un disinfettante che come tutti gli altri disinfettanti tende a "uccidere" quantomeno anche le nuove cellule in via di crescita.
Sui batteri il Simp80 agisce determinando la rottura della membrana plasmatica. Parlando invece di ulcere più o meno grandi,
dopo l' uso del Simp80 segue sempre una detersione con soluzione fisiologica sterile, così pure per l'acqua ossigenata in poche particolari lesioni cutanee.
Avatar utente
dario62
User
User
Messaggi: 302
Iscritto il: sab lug 11, 2009 10:14 pm
Località: italia
Contatta:

Re: Detergere la cute o non detergere? Questo e' il problema!

Messaggio da dario62 »

Carissimi Colleghi, da procedere AZiendali ampiamente innovative, posso ancora intervenire sulla problematica segnalata, che per la detersione delle ferite cutanee o trofiche ( lesioni da decubito, ulcere da stasi venosa o da arteriopatia obliterante periferica), si puo' impiegare il RINGER LATTATO,
SAluti cordaili DARIO.

RSA NURSING UP
Sono disponibile per tutti i colleghi, a consulenza gratuita,inerente la contrattazione collettiva nazionale.Per contatto:328/5474656
Avatar utente
andrea1983
User
User
Messaggi: 452
Iscritto il: dom ago 16, 2009 5:55 am
Località: Lugano - Ticino - Svizzera

Re: Detergere la cute o non detergere? Questo e' il problema!

Messaggio da andrea1983 »

dario62 ha scritto:Carissimi Colleghi, da procedere AZiendali ampiamente innovative, posso ancora intervenire sulla problematica segnalata, che per la detersione delle ferite cutanee o trofiche ( lesioni da decubito, ulcere da stasi venosa o da arteriopatia obliterante periferica), si puo' impiegare il RINGER LATTATO,
SAluti cordaili DARIO.

RSA NURSING UP
Questa l'avevo sentita anche io, che è possibile l'utilizzo del ringer lattato ma il problema ora è trovarlo in commercio, o almeno, nell'unità opertiva dove lavoravo prima non veniva piu' utilizzato da parecchio tempo e per averlo dovevamo fare una richeista particolare in farmacia firmata dal medico con la motivazione della richiesta.
Qui dove lavoro ora in Svizzera invece il ringer lattato nella mia struttura è stato terminato circa all'inizio dell'anno precedente e non è piu' in fornitura nella clinica. So che alcuni reparti posseggono dei pezzi ancora, ma questo è dato dalla giacenza e dal fattoc he utilizzanopoche infusioni e tra poco andranno in scadenza se ora non lo sono già.

Andrea
...non dimenticarsi mai di lavorare davanti a persone...che soffrono spesso...moto piu' di noi...siamo fortunati ricordiamocelo sempre...moltissimo...
Andrea - Ticino Svizzera
Avatar utente
dario62
User
User
Messaggi: 302
Iscritto il: sab lug 11, 2009 10:14 pm
Località: italia
Contatta:

Re: Detergere la cute o non detergere? Questo e' il problema!

Messaggio da dario62 »

per andrea1983
Carissimo Collega, in mancanza del ringer lattato, sempre da prosedure avanzate ed innovative, per la detersione della cute si puo' impiegare:
- l' acqua borica ( e' di facile impiego, costo modestissimo, ottima efficacia)
SAluti cordiali DARIO.

RSA NURSING UP
Sono disponibile per tutti i colleghi, a consulenza gratuita,inerente la contrattazione collettiva nazionale.Per contatto:328/5474656
Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 6211
Iscritto il: gio lug 09, 2009 6:54 pm
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Detergere la cute o non detergere? Questo e' il problema!

Messaggio da franco »

Arduino ha scritto:Salve Franco,

riporto alcuni dati, tratti da un recentissimo prontuario terapeutico, riguardanti il Simp 80 (da non confondere con quello esoalcolico, che usiamo pure,
ma solo in alcuni contesti e non sulla cute lesa):

Indicazioni terapeutiche: Disinfezione della cute lesa e disinfezione del campo operatorio.

Effetti indesiderati: possibile bruciore o irritazione, ma dalla mia esperienza non ho mai sentito nessuno che si sia lamentato che bruci.
Lo usiamo, alcune volte preferenzialmente, per la disinfezione delle ferite chirurgiche, anche quelle che stanno guarendo per seconda intenzione;
e per piccole ulcere ed escoriazioni della cute. l'ho usato anche per me e non mi ha causato bruciore.

Lo teniamo nell'armadio di sicurezza anti incendio, ma solo perché non abbiamo altro posto dove metterlo; teniamo la anche la clorexidina al 5%...

E' comunque un disinfettante che come tutti gli altri disinfettanti tende a "uccidere" quantomeno anche le nuove cellule in via di crescita.
Sui batteri il Simp80 agisce determinando la rottura della membrana plasmatica. Parlando invece di ulcere più o meno grandi,
dopo l' uso del Simp80 segue sempre una detersione con soluzione fisiologica sterile, così pure per l'acqua ossigenata in poche particolari lesioni cutanee.
Ciao
ti assicuro che tutte le soluzioni alcoliche a contatto con la cute lesa bruciano,
non muore nessuno ma spesso provocano un dolore gratuito,
al limite alla prima occasione prova,
se tenete le scorte di disinfettanti alcolici nell'armadietto degli infiammabili è perchè lo sono,
si infiammano con una scintilla.

By
:mrgreen:
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)
Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 6211
Iscritto il: gio lug 09, 2009 6:54 pm
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Detergere o non detergere, questo è il problema?

Messaggio da franco »

Guazzo ha scritto:In quali casi detergete la cute del paziente e con cosa?

Vedo spesso infermieri detergere la cute prima di una iniezione sottocutanea, prima di un'intramuscolo o prima di un prelievo capillare.

Voi come vi comportate?
Ciao
io non faccio detersione preventiva per manovre semplici, im, prelievi ecc..
Mentre ad esempio per il posizionamento di un PICC,
chiedevo al pz di lavarsi bene le braccia.

Ciao
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti