WOW....

Area di discussione delle notizie riguardanti la nostra professione
Regole del forum
Una curiosità, una notizia sulla nostra professione.
Condividi la tua discussione preferita.
Rispondi
Avatar utente
andrea1983
User
User
Messaggi: 452
Iscritto il: dom ago 16, 2009 5:55 am
Località: Lugano - Ticino - Svizzera

WOW....

Messaggio da andrea1983 »

RICERCA AMERICANA
Con note e filastrocche i bambini
imparano prima a parlare
I piccoli imparano più parole e le memorizzano meglio se sono cantate, in rima e fanno parte di una canzone
bambini_b--180x140.jpg
bambini_b--180x140.jpg (8.15 KiB) Visto 1275 volte
(Afp)
MILANO - Filastrocche, canzoncine, giochi in rima: le ultime ricerche scientifiche dimostrano che per i bambini,sono più di un passatempo. Rappresentano infatti uno stimolo che insegna a memorizzare in fretta le parole e quindi a parlare. L’osservazione scaturisce da un lavoro di Jenny Saffran ed Erik Thiessen, rispettivamente dell’università del Wisconsin e della Carnegie Mellon University, in Pennsylvania, negli Stati Uniti, incluso nel volume «The Neurosciences and Music – III, Disorders and plasticity» appena pubblicato in collaborazione con la New York Academy of Sciences, che riporta oltre 60 lavori scientifici che definiscono lo stato dell’arte nel campo «neuromusica». I lavori sono stati presentati nell’arco dell’omonimo convegno organizzato a Montreal nel 2008 dalla Fondazione Pierfranco e Luisa Mariani (le due edizioni precedenti si sono tenute a Venezia nel 2002 e a Lipsia nel 2005).

LO STUDIO - Le ricerche di Saffran e Thiessen si sono concentrate sull’ambiente sonoro in cui crescono i bambini, che sin dalla nascita è permeato di musica ed è dominato da un linguaggio diretto nei loro confronti chiamato Infant Directed Speech (quella specie di lingua cantilenata che gli adulti rivolgono ai piccoli) e che utilizza un linguaggio semplificato e un tono leggermente più acuto. Secondo Saffran e Thiessen i bambini imparano più parole e le memorizzano meglio se queste sono cantate, se sono in rima e fanno parte di una canzone. D’altra parte, i bambini ricordano più melodie se queste hanno le parole e se non sono solo affidate a strumenti musicali. Dietro a queste osservazioni, c’è l’idea che la musica possa essere un mezzo per facilitare la codificazione di messaggi non musicali, come il linguaggio, e per stimolare i processi di attenzione dei bambini. La musica, quindi, potrebbe essere impiegata con successo per accelerare l’apprendimento dei piccoli. Tanto più che esiste un circolo virtuoso: se la melodia ha le parole, i bambini la ricordano meglio. E se i bambini imparano una melodia, possono memorizzare con più facilità le parole che la accompagnano. «La ricerca su musica e neuroscienze continua a dare risultati straordinari» commenta Maria Majno, responsabile dei programmi della Fondazione Mariani: «si tratta un ambito in continua espansione , che promette sostanziali avanzamenti anche in campo educativo e riabilitativo: ciò che abbiamo imparato sta già cambiando in meglio il nostro modo di capire e aiutare i bambini con difficoltà neurologiche».

http://www.corriere.it/salute/09_settem ... aabc.shtml" onclick="window.open(this.href);return false;
08 settembre 2009(ultima modifica: 09 settembre 2009)


:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Chissa cosa ascoltavano.....
Andrea
...non dimenticarsi mai di lavorare davanti a persone...che soffrono spesso...moto piu' di noi...siamo fortunati ricordiamocelo sempre...moltissimo...
Andrea - Ticino Svizzera
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti