IL TEST DI ALLEN

Non esiste un solo modo per eseguire una tecnica, esiste la tecnica giusta per il tuo assistito. Le foto sono utili per spiegarsi meglio, ma ricorda di chiedete l'autorizzazione del paziente e spiegate il caso per bene.
Rispondi
giordma
New User
New User
Messaggi: 54
Iscritto il: lun lug 27, 2009 12:02 pm
Località: Roma
Contatta:

IL TEST DI ALLEN

Messaggio da giordma »

Lavorando in un'unità Operativa di cardiologia interventistica, gli accessi arteriosi più utilizzati per consentire una coronarografia sono l'arteria femorale e l'arteria radiale.
L'accesso più usato nella mia struttura è quello femorale, ma in caso di impossibilità nel reperire tale arteria si sceglie quello radiale.
Immagine

il test di Allen (la simultanea compressione digitale delle arterie ulnare e radiale provoca pallore del palmo della mano seguito da iperemia quando una delle due arterie viene decompressa) può stabilire se il circolo collaterale che origina dall'arteria ulnare fornisce un flusso sufficiente a perfondere la mano in caso di occlusione dell'arteria radiale. Se non si ha riperfusione entro 8 s. dal momento in cui si rimuove la compressione esercitata sull'arteria ulnare, l'arteria radiale non deve essere cateterizzata.
La mano è irrorata da due arterie (radiale e ulnare) che si uniscono distalmente in un circolo arterioso comune. Se una delle due arterie si occlude, l'altra salva la mano dall'ischemia.
Immagine
Quando si punge l'arteria radiale si deve essere certi che l‘ulnare sia pervia, altrimenti in caso di trombosi la mano andrà incontro a ischemia acuta.
Immagine
GIORDANO
CARPE NURSE!!
http://carpenurse.blogspot.com
Avatar utente
andrea1983
User
User
Messaggi: 452
Iscritto il: dom ago 16, 2009 5:55 am
Località: Lugano - Ticino - Svizzera

Re: IL TEST DI ALLEN

Messaggio da andrea1983 »

Il test di Allen è un test che bisognerebbe fare SEMPRE quando si incanulano le arterie radiali. Da noi le fanno gli infermieri, anche dove lavoravo prima e alcuni colleghi non sapevano pero' nenache cosa era. Ed è vergognoso secodno me acnhe eprchè si rischia di far perdere una mano a un paziente, per cosa poi?

Andrea
...non dimenticarsi mai di lavorare davanti a persone...che soffrono spesso...moto piu' di noi...siamo fortunati ricordiamocelo sempre...moltissimo...
Andrea - Ticino Svizzera
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti