Corso Integrato in rifacimento letti

Questo è un forum di discussione generale per gli studenti di infermieristica, master e specialistica.
Regole del forum
Questo è un forum di discussione generale per gli studenti di infermieristica, master e specialistica.
Condividi la tua discussione preferita.

Di chi e' la colpa?

Puoi scegliere tra 1

 
 
Guarda risultati

Avatar utente
susanna
User Senior
User Senior
Messaggi: 2501
Iscritto il: sab lug 11, 2009 9:35 pm
Lavoro e cerco...: "THE FUTURE IS UNWRITTEN" Joe Strummer
Località: mantova

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da susanna »

Credo, inoltre, che sia compito di un educatore (e quando siamo tutors è questo che siamo) riuscire a vedere la personalità, le peculiarità, le punte intellettive e le lacune di ogni studente, tirando fuori il meglio ed amplificando la diversità di ognuno.
Questo avrebbe anche lo scopo di creare in futuro équipes dove ognuno sia in grado di valorizzare e accettare le diversità dell'altro, che sono una ricchezza, non un difetto.
Cercare l'appiattimento(magari a propria immagine e somiglianza), non solo è indegno di un educatore, ma avrà ripercussioni sulla formazione di una intera generazione di professionisti.
Questa è la nostra responsabilità, non quella di insegnare a rifare un letto o ad adeguarsi a regole sciocche.
Ma, ovviamente, sono una manipolatrice con i fiocchi......non quelli che vogliono pecore, al posto di professionisti con un cervello proprio....
"Resto allibito dalla fatica che certe persone fanno per rimanere gli stronzi che sono"

Joe Strummer
Avatar utente
picard
User Senior
User Senior
Messaggi: 2587
Iscritto il: mar lug 14, 2009 5:39 pm

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da picard »

susanna ha scritto:Credo, inoltre, che sia compito di un educatore (e quando siamo tutors è questo che siamo) riuscire a vedere la personalità, le peculiarità, le punte intellettive e le lacune di ogni studente, tirando fuori il meglio ed amplificando la diversità di ognuno.
Questo avrebbe anche lo scopo di creare in futuro équipes dove ognuno sia in grado di valorizzare e accettare le diversità dell'altro, che sono una ricchezza, non un difetto.
Cercare l'appiattimento(magari a propria immagine e somiglianza), non solo è indegno di un educatore, ma avrà ripercussioni sulla formazione di una intera generazione di professionisti.
Questa è la nostra responsabilità, non quella di insegnare a rifare un letto o ad adeguarsi a regole sciocche.
Ma, ovviamente, sono una manipolatrice con i fiocchi......non quelli che vogliono pecore, al posto di professionisti con un cervello proprio....
Grandiosa Susanna.......... :lol: :lol: :lol: ;)
ASSISTENTE CLINICO NON INFERMIERE
Dott. Picard......
clara81
User expert
User expert
Messaggi: 683
Iscritto il: ven ago 21, 2009 5:50 pm

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da clara81 »

Infatti l'esperienza di tirocinio per tutti noi,nella mia città,è stata molto simile,e in pochissimi si sono trovati bene: andava bene chi si conformava il più possibile al gruppo di lavoro,nel bene e nel male. E' sicuramente difficile inserirsi in un gruppo già formato,soprattutto in reparti dove vi è un alto turn over di studenti,ma quello che è sempre contato sono atteggiamenti vecchi di cento anni (come lo è la nostra nazione), di stampo cattomoralista. Umiltà non intesa in senso positivo ma come chinare la testa alla legge del più forte, educazione vuota di contenuti ma solo formale, impossibilità di dire la propria opinione,addirittura prese in giro se avevo letto qualche studio valido su qualche procedura che avevo semplicemente raccontato senza nemmeno chiedere che venisse applicato. E soprattutto,infermieri che giudicano,giudicano,giudicano.....giudicano soloa vendoti vista 2 volte, non avendo mai fatto più di un turno con te,che per ogni azione che fai trovano da ridire,che se fai a non va bene,ma neanche se fai b e c e d,per il solo gusto di sbeffeggiare. In una valutazione positivissima ricevuta in UTIC,in questo mio tirocinio,l'unica nota negativa mi è venuta da una infermiera dalla faccia argigna (si vedono lontano un km le frustrate), che mi ha vista,e che io ho visto,una volta sola nel cambio turno!! Quando uno studente va in tirocinio (e ribadisco che non è solo mia esperienza,ma della maggioranza di noi studenti,visto che tra noi ci confrontiamo) e la sua testa è tutta occupata a chiedrsi: ma questa con cui faccio il turno satamattina che fisse avrà? Se faccio così e così come facevo con quella di ieri le andrà bene? O mi giudicherà male? E in quest'altra occazione per non essere giudicati negativamente, che dovrò fare?....dicevo,se la testa dello studente è impegnata in questo,che spazio rimarrà mai per l'apprendimento??

Ho avuto una grande fortuna quest'anno, l'affiancamento stretto con un grande,grandissimo tutor,una persona splendida: costretto suo malgrado a farlo,non perchè non ami gli studenti (anzi!), ma perchè trova ridicola la figura di tutor così come è organizzata in Italia, la prima cosa che ti dice quando inizi con lui è che nessuno si può permettere di giudicare il carattere di nessuno,che nessuno con una formazione di poche ore si può permettere di dire se una persona è portata o no per un lavoro,se è simpatico o antipatico,se è bravo o scadente, che la figura di tutor ti costringe a goidicare e spesso a compromettere la strada dello studente stupidamente, e che non c'è cosa più stupida di quei tutor che credono di avere la verità in mano. Che a lui interessa che siamo interessati ad imparare e niente altro, non che smontiamo gli armadi e rifacciamo le scadenze ogni giorno e puliamo i carrelli e ci inventiamo le cose per non stare fermi e che siamo servili,ne che abbiamo un momento di disattenzione o una giornata negativa che possa farci essere meno splendidi del solito, che a lui non importano nulla queste sciocchezze. Lui nei momenti morti,di attesa, con l'utic semivuota invece di farmi scodinzolare a pulire anche i muri mi spiega per ore la cardiologia (ha infinite conoscenze),oppure mi dice di studiare per i miei esami e mi aiuta anche a capire. Quando non c'è confusione,pur non prendendo mai eccessiva confidenza, ride e scherza e mi fa morire dal ridere. Con lui ti appassioni anche a quello che ti interessa di meno,e respiri un'ara di freschezza incredibile. Anche se lui non frequenta i forum,qui voglio ringraziare questa persona più unica che rara, che quando hai la fortuna di incontrare però ti risolleva un po' da quello che hai subito fino a quel momento.
Avatar utente
susanna
User Senior
User Senior
Messaggi: 2501
Iscritto il: sab lug 11, 2009 9:35 pm
Lavoro e cerco...: "THE FUTURE IS UNWRITTEN" Joe Strummer
Località: mantova

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da susanna »

Grazie, Pic.


E voglio dire di più, magari sottovoce....io ho insegnato molte cose agli studenti, ma...sshhhh!! ho pure imparato!!!!

Ma non ditelo a nessuno,,,,,, :oops:
"Resto allibito dalla fatica che certe persone fanno per rimanere gli stronzi che sono"

Joe Strummer
Avatar utente
xx46it
User Senior
User Senior
Messaggi: 3315
Iscritto il: lun lug 13, 2009 8:59 pm

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da xx46it »

Allora Clara qualcosa di buono nel tuo tirocinio c'è...non dire che questa persona che ti insegna la dimenticherai.....magari poi ti farai anche due risate sugli armadi che ti hanno fatto pulire.....ciao... ;)
Pic....non avevo dubbi....
"Ci sono due modi di vivere la vita, uno è come se niente fosse un miracolo, l'altro è come se tutto fosse un miracolo"
Albert Einstein
clara81
User expert
User expert
Messaggi: 683
Iscritto il: ven ago 21, 2009 5:50 pm

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da clara81 »

Sicuramente non la dimenticherò.
nonAncoraInfermiera
New User
New User
Messaggi: 56
Iscritto il: sab set 19, 2009 4:22 pm

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da nonAncoraInfermiera »

Grazie, :oops: si fanno tanti errori ma io crefo che bisogna aver il coraggio di voler andare fino in fondo.....alcuni miei colleghi con la schiena in ...non buone condizioni insistono col dire che durante il tirocinio staranno zitti, che cercheranno di arrangiarsi, che compreranno bustini e soffriranno in silenzio.... Secondo me è assurdo...io pretendo che questo lavoro sia più sicuro per la nostra salute, altrimenti ci riduciamo a degli scaricatori di porto sfruttati...non disprezzo la classe operaia, anzi, ma non siamo mica operai che si devono spaccare la schiena.... Questo è solo un piccolo "banale" esempio, ma io che continuo ad oppormi (con gentilezza, però) a certe cose ottengo, come dici tu, rispetto. Sembra paradossale eppure dopo un po' la gente si rende conto che, per quanto rompiscatole, essere volenterosi e pretendere il meglio è qualcosa di positivo... Non pretendo di cambiare il mondo, ma certamente piuttosto che lamentarmi, deprimermi pensando a quanto fa schifo il nostro sistema sanitario, gettare veleno su pazienti e sparlare dei colleghi... preferisco rimboccarmi le maniche ed essere la prima a dare il buon esempio e, per dinci, credere un po' di più in quello che spero sarà il mio lavoro!
Avatar utente
xx46it
User Senior
User Senior
Messaggi: 3315
Iscritto il: lun lug 13, 2009 8:59 pm

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da xx46it »

Sono daccordo su questa linea seguita da Nonancorainfermiere, la condivido pienamente.
Vorrei aggiungere che il problema dei carichi di lavoro (mobilizzazione pazienti in particolare) è una costante del nostro lavoro...non solo da studenti si presenta questo problema, ma per tutto il resto della vita lavorativa....su questo vorrei dire di non stancarsi mai nel chiedere presidi idonei per ridurre al minimo i nostri sforzi. Un alzapersone o sollevatore , a reparto, non è un regalo della direzione, è un nostro preciso diritto.....nessuno deve incorrere in rischi inutili, se a reparto ce l'hai ,usalo tutte le volte necessarie, anche se ti dicono che fa perdere tempo..non è vero che fa perdere tempo. Per alzare un paziente valuta sempre il livello di collaborazione e poi decidi se c'è bisogno di sollevatore ( è controindicato solo in in pochissime situazioni).
Tutelare la propria salute è imperativo, sempre. Molti infermieri sono restii ad utilizzare presidi, ma il fatto che gli studenti lo propongano potrebbe essere una buona opportunità di rinnovamento...un reparto di ortopedia, neurologia, riabilitazione senza i giusti presidi è impensabile.....
"Ci sono due modi di vivere la vita, uno è come se niente fosse un miracolo, l'altro è come se tutto fosse un miracolo"
Albert Einstein
Fra G
Newbie
Newbie
Messaggi: 1
Iscritto il: lun feb 01, 2010 7:05 pm

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da Fra G »

Salve a tutti, ho appena finito il primo mese di tirocinio della mia vita, frequento infermieristica a Firenze. Sarà che mi sono ritrovata in un reparto molto buono, devo dire che di tutto il corso l'esperienza in ospedale è in assoluto la cosa migliore.
Le materie teoriche purtroppo hanno ancora un sacco di pecche. Sarà che l'infermieristica è una scienza nuova e in Italia non viene adottato un modello di riferimento più o meno unitario (per carità, non voglio addentrarmi in teorie del nursing..), ma gli stessi insegnanti, per quanto ci mettano tutta la buona volontà e buona fede, non sono chiari e sembrano anche loro avere idee molto confuse. Le lezioni sono una palla infinita e, anche se le cose di cui parlano hanno un loro perché (la diffusione di un know how specifico per un assistenza migliore) sembrano vere e proprie banalità, che mischiano discorsi psico-filosofici tradizionali con temi pseudo new age - il libro della Carpenito a volte sembra scritto dal Ron Hubbard di Dianetics (Scientology)!
Per quanto riguarda le materie medico scientifiche, siamo maltrattatissimi. Fatto salve rare eccezioni, ci sono professori di medicina sfavatissimi che o non sanno spiegare (sono gli scarti) oppure tirano a dritto concetti che ci vogliono mesi per comprenderli: qui ti fanno un intero corso di biochimica base in 6 lezioni, e pretendono un esame in cui sai tutte le formule di struttura a menadito dopo due settimane dalla fine del corso. Contemporaneamente devi preparare anatomia e istologia, che si devono dare obbligatoriamente lo stesso giorno, essendo un cd "corso integrato". I crediti di queste materie ricalcano le poche ore di lezione...chi ha pensato al corso non ha guardato però bene il programma, perché per ogni materia (non corso integrato, "materia") fra libro appunti e materiale vario sarà l'equivalente di 200 pagine di libro.
Il risultato è un sapere dozzinale e sbrigativo, perché l'unico modo per stare al passo con gli esami è impararsi la pappardella, sciorinare un'avemaria, e dimenticarsi tutto il giorno dopo l'esame..
F
clara81
User expert
User expert
Messaggi: 683
Iscritto il: ven ago 21, 2009 5:50 pm

Re: Corso Integrato in rifacimento letti

Messaggio da clara81 »

Ragazza,mi piaci :D
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite