collaborazione per tesi infermiere famiglia e caregiver

Dedicato alle discussioni e approfondimenti delle tesi
Regole del forum
La preparazione della tesi, inizia con tanto entusiasmo, se vuoi condividere la tua esperienza o chiedere suggerimenti per altre idee, è un idea.
Condividi la tua discussione preferita.
Rispondi
ale78
New User
New User
Messaggi: 16
Iscritto il: dom ott 18, 2009 3:19 pm

collaborazione per tesi infermiere famiglia e caregiver

Messaggio da ale78 »

Buongiorno, sono Alessandra una studentessa al 3° anno di Infermieristica dell’Università di Ferrara, sto lavorando alla tesi di laurea che ha come argomento: il ruolo della famiglia e del caregiver nella gestione del paziente in stato vegetaivo o di minima responsività. Pongo questi quesiti a chi gentilmente vuole aiutarmi:
1)Quali strategie e/o modalità di intervento possono essere attuate in supporto delle famiglie e al caregiver?
2)Quali sono le caratteristiche che emergono dalla relazione infemiere/famiglia?
3)In base alla sua esperienza quali aspetti positivi o negativi ha rilevato nella relazione infermiere/famiglia?
4)Quali ritenga essere i requisiti essenziali per identificare il caregiver?
La mia e-mail è: alessandra.zagatti@student.unife.it
Grazie dell’eventuale collaborazione.

:P
Ultima modifica di franco il mar ott 20, 2009 9:39 am, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: spostato l'argomento e modificato il titolo per una migliore leggibilità
Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 6206
Iscritto il: gio lug 09, 2009 6:54 pm
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 30 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: collaborazione per tesi infermiere famiglia e caregiver

Messaggio da franco »

Ciao
il caregiver viene spesso chiamato badante,
purtroppo spesso è un termine usato con tono dispregiativo e poi ne è abusato,
dato che non tutti ne sono capaci, anzi di incapaci se ne trovano.
Per malati a bassa responsività presumo intenda con stroke o ictus... spero.

Quindi per il punto:
1)le strategie devono tener conto della capacità della famiglia di controllare l'alimentazione, l'igiene, la mobilizzazione e il proprio riposo.
Spesso il nucleo familiare con un malato scoppia per la tensione e lo stress di essere sempre presenti e non riescono ad organizzarsi una vita.
2)relazione d'aiuto di educazione terapeutica, credo che siano i termini tecnici.
3)personalmente ho lavorato poco come lp a domicilio proprio perchè entrare in rapporto con l'ammalato e la sua famiglia è impegnativo, nel pubblico si è standardizzati con attività compiti e controlli... credo che in sintesi dovrebbe essere sincera, tecnica e flessibile.
4)spesso il caregiver occasionale pensa che il suo lavoro sia di stare fermo a leggere il giornale e quello lo chiama essere di compagnia.
Il caregiver non deve avere paura di toccare la persona deve essere in grado di spostarlo senza farsi male, deve avere chiaro che da lui dipende molto dello stato di salute della persona che gli è affidata.
Dovrebbero esserci percorsi formativi dato che è un lavoro fatto da migliaia di persone.


Rispondo ai tuoi punti anche se ho un scarsa esperienza in merito,
spero di aver dato qualche suggerimento che tu possa cogliere e sviluppare,
sicuramente ci sono lettori più esperti che ti possono indirizzare.

Ciao
:mrgreen:
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)
ale78
New User
New User
Messaggi: 16
Iscritto il: dom ott 18, 2009 3:19 pm

Re: collaborazione per tesi infermiere famiglia e caregiver

Messaggio da ale78 »

Ciao, grazie della collaborazione.
Infatti intendo lo sxtato vegetativo e la minima resp. come esiti del trauma cranico.
Grazie.
Alessandra
Avatar utente
andrea1983
User
User
Messaggi: 452
Iscritto il: dom ago 16, 2009 5:55 am
Località: Lugano - Ticino - Svizzera

Re: collaborazione per tesi infermiere famiglia e caregiver

Messaggio da andrea1983 »

ale78 ha scritto:Buongiorno, sono Alessandra una studentessa al 3° anno di Infermieristica dell’Università di Ferrara, sto lavorando alla tesi di laurea che ha come argomento: il ruolo della famiglia e del caregiver nella gestione del paziente in stato vegetaivo o di minima responsività. Pongo questi quesiti a chi gentilmente vuole aiutarmi:
1)Quali strategie e/o modalità di intervento possono essere attuate in supporto delle famiglie e al caregiver?
2)Quali sono le caratteristiche che emergono dalla relazione infemiere/famiglia?
3)In base alla sua esperienza quali aspetti positivi o negativi ha rilevato nella relazione infermiere/famiglia?
4)Quali ritenga essere i requisiti essenziali per identificare il caregiver?
La mia e-mail è: alessandra.zagatti@student.unife.it
Grazie dell’eventuale collaborazione.

:P
allora posso dirti nell'acuto: ho lavorato in rianimazione ma ci è capitato di educare i parenti di stati vegetativi, comi post anossici i TC molto gravi....:

1) Cosa molto importante la famiglie di queste persone devono mantenere una PROPRIA vita privata, sorpattutto se sono giovani e con una famiglia alle spalle. Non devono diventare completamente dipendenti dal paziente altriemtni si arriva ad un punto in cui c'è il barratro e poi non si riesce piu' a seguire il paziente e si sta pure male fisicamente ed emotivamente.
Bisognerebbe cercare di capire quante persone "girano" intorno al paziente, cercare di capire gli orari di quest'ultimi e organizzare magari un assistenza a turnistica, nella gestione dell'alimentazione, idratazione, igieni, etc.

2) Educazione pura nell'istruzione dell'ausilio delle tecniche, si pure, come igiene, movimenti da evitare per non farsi del male (schiena dritta, piegamento gambe, letto ad altezza normale etc.), alimentazione, ogni quanto, come gestiore PEG, tracheo, aspirazione. Ma anche come mantenere un contatto con queste persone, favorire un ambiente famigliare ma non eccessivamente spinto, cercare di integrarle nell'ambiente di casa....

3) Non ho lavorato con la famiglia al domicilio ma posso dire che il rapporto nell'acuto deve essere di tranquillizzazione, stabilizzazione della situazione, cercare di spiegare realmente, senza false illusioni, non dare false speranze e soprattutto far capire che anche la famiglia puo' stare vicino a queste persone. Devi essere sincero fin dall'inizio, adattabile e malleabile alle diverse situazioni e alle diverse figure di parenti a cui ti trovi davanti.

4) I requisiti essenziali li concretizzo in un mini riassunto delle cose dette: non permettere che la malattia del paziente diventi la tua e che sia completamente al centrod ella tua attenzione, si ha il diritto a dei momenti di relax e "privati" oltre questa. Accettare l'aiuto di altre percone altrimenti si rischia di finire le proprie forze. Stare attenti ai sintomi primari di disagi importanti, come depressione, sioamentod alla società etc.

Non so quanto ti sono stato d'aiuto.ma spero un pochino.

Andrea
...non dimenticarsi mai di lavorare davanti a persone...che soffrono spesso...moto piu' di noi...siamo fortunati ricordiamocelo sempre...moltissimo...
Andrea - Ticino Svizzera
ale78
New User
New User
Messaggi: 16
Iscritto il: dom ott 18, 2009 3:19 pm

Re: collaborazione per tesi infermiere famiglia e caregiver

Messaggio da ale78 »

Grazie mille.
Un ciao :D da ALe
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti