n. 150 decreto brunetta: riforma del pubblico impiego

In questo spazio cerchiamo di aiutarci per reperire le leggi e a capirle.
Regole del forum
E' necessario ricordarsi che le discussioni devono essere considerate come informali e non consulenze specializzate.
Condividi la tua discussione preferita.
Rispondi
Avatar utente
dario62
User
User
Messaggi: 302
Iscritto il: sab lug 11, 2009 10:14 pm
Località: italia
Contatta:

n. 150 decreto brunetta: riforma del pubblico impiego

Messaggio da dario62 »

Carisssi colleghi,
con la presente, vi rendo noto il nuovo decreto:


PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE , CON IL N 150 DEL 31.10.2009, IL DLGS DI
RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ( DECRETO BRUNETTA)


LA CONTRATTAZIONE NEL PUBBLICO IMPIEGO , SOLO UN AMARO RICORDO,
QUELLA INTEGRATIVA PEGGIO : CON LE NUOVE REGOLE LE
AMMINISTRAZIONI DECIDONO ANCHE SENZA L’ACCORDO DEI SINDACATI .
Così termina questo atto della saga , un’esasperata presa di posizione contro i pubblici
dipendenti , da un lato un Ministro che non perde occasione per ostentare la propria
sconsiderazione per i lavoratori pubblici, dall’altra sindacati che, allo stato in cui si trovano
accettano “tutto” , senza contestazioni capaci di produrre effetto , anche a costo della
credibilità delle stesse procedure di contrattazione .
Si perché il dlgs di riforma, pubblicato sabato scorso in G.U. , all’art 54 prevede
esplicitamente che laddove non si raggiunga l’accordo tra azienda e sindacati per la
stipula di un contratto integrativo , l’amministrazione interessata ha facoltà di provvedere in
via provvisoria sino alla successiva sottoscrizione .
A seguire , attesa la particolare complessità del testo, i principali contenuti del Decreto
Legislativo N 150 allegato dei quali si è anche discusso in occasione della riunione di
Comitato Tecnico Scientifico tenutasi a Roma il 26 ottobre scorso.
I CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO SARANNO SOLO QUATTRO
In sostanza scompaiono i dieci comparti di contrattazione e le corrispondenti aree
dirigenziali e sono costituiti quattro soli comparti la cui individuazione sarebbe rimessa



--------------------------------------- 2

alla contrattazione , ma da fonti ministeriali ufficiose si paventerebbe che i 4 comparti
previsti dal decreto potrebbero essere - Stato-Parastato ed Agenzie Fiscali tutti in un
unico comparto, Sanità, Scuola ed Enti Locali gli altri , insieme a non più di 4
corrispondenti aree dirigenziali.
Anche i medici costituiscono una specifica sezione di area “ e potranno “ essere
costituite specifiche sezioni contrattuali per particolari categorie
Cosa singolare contenuta nel decreto , per la prima volta i medici perdono alcune
prerogative riservate , si perché SPARISCE LA LORO SPECIFICA AREA DI
CONTRATTAZIONE , ridimensionata in una non meglio precisata “SEZIONE”
nell’ambito di una delle 4 aree previste per i dirigenti , ciò dovrebbe comportare , se
l’intreccio delle disposizioni vigenti non ci inganna , che ai fini del calcolo della
rappresentatività la stragrande maggioranza dei sindacati medici si ritroverà , anche se in
una sezione , in situazione analoga a quella del Nursing Up , si perché ai fini della
rappresentatività le percentuali previste dovrebbero essere conteggiate , sulla base delle
nuove regole , non più in riferimento solo ai medici , ma bensì a tutti i dirigenti , essendo le
aree costituite da tutti gli altri dirigenti.
In tale situazione la stragrande maggioranza dei sindacati medici sembrerebbe possa
perdere la propria rappresentatività.
CONTRATTI NAZIONALI ( TRIENNALI) , DEFINIRANNO SIA LA PARTE NORMATIVA
SIA QUELLA ECONOMICA UGUALI PER TUTTI, AI CONTRATTI INTEGRATIVI
RESTERANNO LE SCIOCCHEZZE COME LE RISIBILI RISORSE DA DISTRIBUIRE
PER LA PRODUTTIVITÀ.

L’AMINISTRAZIONE HA FACOLTA’ DI PROVVEDERE , IN VIA PROVVISORIA, SINO
ALLA SUCCESSIVA SOTTOSCRIZIONE in ogni caso in cui , nell’ambito della
contrattazione integrativa i sindacati non fossero d’accordo nella sottoscrizione di un testo
contrattuale , questo sino alla successiva stipula dell’accordo .

Vengono introdotti gli ambiti di riserva : Legge e/o Contratti e le parti sono chiamate ad
aggiornare i contratti vigenti con le novelle norme entro il 31.12.2010, in caso negativo i
contratti indicati , dal 01 gennaio 2011 , vengono disapplicati.

I SINDACATI AMMESSI ALLE TRATTATIVE
In via transitoria , con riferimento al periodo contrattuale immediatamente successivo a
quello in corso ( 2010 - 2012) , definiti i comparti e le aree di contrattazione ( in base alle
nuove regole) , l’ ARAN avvia le trattative contrattuali con le organizzazioni sindacali e le
confederazioni rappresentative nei nuovi comparti ed aree di contrattazione collettiva ,
sulla base dei dati associativi ed elettorali rilevati per il biennio contrattuale 2008/2009 (
dati 2006)
Conseguentemente , sono prorogate le RSU . anche se già proclamate ( scuola) .
Le nuove elezioni ( per tutti i nuovi comparti) si svolgeranno entro il 30 novembre 2010.




--------------------------------------- 3

AI DIRIGENTI VENGONO CONSEGNATI STRUMENTI INCREDIBILI DI POTERE SUI
DIPENDENTI
ma sono essi stessi nelle mani di livelli superiori, quindi senza grandi margini di
autonomia, ma pesantemente indirizzati a dividere, selezionare, valutare, attribuire premi e
punizioni (come se già non lo facessero volentieri)

INTRODOTTE TRE FASCE DI MERITO PER I DIPENDENTI:
25% i bravi che avranno premi e titoli per fare carriera, 50% di chi non avrà nulla, e 25%
(stabilito a priori) che sarà nella fascia di demerito ( per la sanità ci penseranno le regioni
e devono prevedere che le fasce di merito non siano comunque inferiori a 3 - fino al
31.12.2010 le regioni applicano gli ordinamenti vigenti alla data di entrata in vigore del
decreto brunetta, oltre tale data , in carenza di disciplina regionale , si applicano le norme
del decreto brunetta valide per tutto il resto del pubblico impiego))

DISCIPLINA : novità principali

Dall’entrata in vigore del decreto le sanzioni non possono più essere impugnate innanzi ai
collegi arbitrali, i procedimenti pendenti vengono definiti entro 60 giorni dalla data di
entrata in vigore del decreto , pena nullità degli atti

Con decorrenza dal novantesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge : salvo
eccezioni deliberate dall’amministrazione , obbligo di esposizione del cartellino

Per le infrazioni per le quali è prevista una sanzione superiore al rimprovero verbale ed
inferiore alla sospensione dal servizio con privazione della retribuzione per massimo 10
giorni , provvede il dirigente con le procedure previste dallo statuto dei lavoratori per i
dipendenti privati.

gli atti e le informazioni successive alla contestazione di addebiti avvengono per posta
certificata se esistente , su richiesta del dipendente gli atti successivi possono essere
inoltrati via fax , in ogni caso possono essere recapitati con consegna a mano e/o
raccomandata .

In caso di trasferimento del dipendente il procedimento disciplinare viene avviato e portato
a termine nell’amministrazione di destinazione .

Le sentenze penali nei confronti del dipendente devono essere comunicate , anche su
richiesta, all’amministrazione interessata.

Viene costituito “L’ispettorato della funzione pubblica” , collegato alla guardia di finanza ,
con il compito , tra l’altro, di approfondire la vigilanza sui casi di incompatibilità e cumulo di
impieghi.

I medici di famiglia devono trasmettere i certificati medici , per via telematica, direttamente
all’inps

Confermato il controllo del dipendente, anche in caso di malattia per un solo giorno.

In caso di accertata permanente inidoneità psico fisica all’impiego l’amministrazione può
risolvere il rapporto di lavoro con procedura regolamentare da adottare




--------------------------------------- 4

In caso di condanna dell’amministrazione al risarcimento del danno causato dal
dipendente in violazione delle norme preposte comporta la sospensione dal servizio con
privazione della retribuzione da un minimo di tre giorni fino ad un massimo di tre mesi , in
proporzione all’entità del risarcimento.

Inefficienza e/o incompetenza del dipendente può comportare collocazione in disponibilità
e , a seguito di accertamento disciplinare , la collocazione a diverse mansioni e/o
qualifica , nella fase intermedia allo stesso non vengono conferiti aumenti retributivi

Sospensione dal servizio con privazione della retribuzione per i dirigenti nel caso in cui la
loro omissione e/o ritardo nell’azione disciplinare comporti la decadenza dell’azione
disciplinare adottata nei confronti del dipendente
.
Se il dirigente viene riconosciuto responsabile civilmente per illiceità nelle determinazioni
concernenti lo svolgimento del procedimento disciplinare è limitata solo ai casi di dolo e
colpa grave. -In caso di assenza per malattia il certificato viene inviato direttamente da
parte del medico di famiglia all’istituto assicuratore (INPS)

Le fasce orarie di reperibilità del dipendente durante la malattia ( attualmente 10/12 e
17/19) saranno stabilite da un momento all’altro dal Ministro Brunetta con un proprio
decreto è stato già preannunciato quale sarà il nuovo regime .
Per chiudere , Nursing up non può che ribadire quanto già scritto e più volte
rappresentato. Le nuove regole fissano , per legge , materie che sino ad oggi erano di
natura pattizia , con evidenti limiti all’autonomia delle parti contrattuali , si perché appare
evidente che il Pubblico Impiego viene avviluppato da una rete normativa che non tiene
conto del carattere e delle specificità di taluni comparti , prova ne sia il SSN . Il nuovo
sistema , peraltro , limita fortemente la concertazione con le organizzazioni sindacali
( e questo forse non è proprio un male se si considera quali siano oggi gli attori sindacali e
di come la “modalità concertativa “ abbia permesso , in svariate circostanze , più che la
tutela degli interessi dei dipendenti, quelli di taluni rappresentanti sindacali) .

Con questo decreto il pubblico impiego soggiace sempre più alla discrezionalità politica
e, differentemente da quanto molti sostengono, sarà ancora una volta la politica stessa ,
seppur indirettamente , a muovere i meccanismi di punizione e di promozione economica
del personale , inoltre , sui pubblici dipendenti si scaricheranno tutte le disfunzioni del
servizio pubblico , esposti come sono agli umori, da un lato della politica quotidiana,
dall’altro del potere del dirigente e della “ limitata o per meglio dire pressochè inesistente
possibilità di un reale contraddittorio sulle decisioni che questo assume “.



Saluti cordiali
RSA NURSING UP
Sono disponibile per tutti i colleghi, a consulenza gratuita,inerente la contrattazione collettiva nazionale.Per contatto:328/5474656
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti